Fr Stefano in LakeWood

By Gerolamo Fazzini PIME Missione Blogspot

“Lying on a picturesque volcanic lake, Lakewood seems like a place of enchantment, a kind of earthly paradise in which man and nature live in spontaneous harmony. In reality, few places in the world are more torn than these hills of Mindanao, in the South of the Philippines, the scene of clashes, looting and abuses for at least 30-40 years.” Thus begins a report on the area written by Fr. Giorgio Licini in 1993. Once, this was really a corner of Eden: the tropical forest around the lake was lush; the inhabitants were few and all were tribal Suban (a term that means “inhabitant of the rivers”, but they prefer to call themselves Lumad). “But then the arrival of immigrants from the North and Central Philippines was worse than a devastating cyclone,” continued Fr. Giorgio. Having visited it 25 years later, I can only confirm: Lakewood is a beautiful place, so much so that a tourist-entrepreneur opened a four-star resort here. We are, however, in a very isolated strip of the province of Zamboanga del Sur. The nearest town, Pagadian, is 31 miles away. As for the problems of the tribal population, despite some significant improvements over many years, they cannot be said to be totally resolved.

PIME arrived here in 1985, at the surprise request of Bishop Federico Escaler. The area remains very remote despite the improvement of communications. Fr. Angelo Biancat, who died in 2005 at the age of 68 (32 of which he spent in the Philippines), conquered the hearts of people with his simplicity during the years he spent in Lakewood.  They called him “Fr. Lumad” or “Fr. Native”, because he immediately had done his utmost to care for the Suban, learning their dialects and welcoming their culture as well as their strong religious beliefs. He had become one of them, to the point of defending their human rights before Philippine Government authorities. After repeated efforts, he succeeded in declaring the land where the Suban people lived “ancestral domain”.

Fr. Stefano Mosca, from the Brianza region of Italy, has been working in Lakewood for 12 years.  Fr. Ilario Trobbiani, a veteran of the Philippines, has been lending him a helping hand since 2015. In all that time, Fr. Mosca did not forget how the Regional Superior of the Philippines welcomed him when he arrived: “The Superior, Fr. Gianni Sandalo welcomed me at the airport like this, ‘Have you come here ready to die? If the answer is no, take your suitcase and go back to where you came from.’ It was a welcome with a profound sense that I soon understood.” After a period of language study in Davao, Fr. Stefano was sent to Sampoli with Fr. Ilario, after only three years, he was called to replace Fr. Carrara in Lakewood. The ministry of preparing people for Christian initiation, catechises, and the celebration of the Sacraments would be a great undertaking. However, he quickly realised the urgency of three social priorities that were more pressing: the Suban people, education, and medical aid for the sick.

The tribal situation at the beginning of the 2000s was complex; they had formed a legal association to prove to the government that they were the first inhabitants of the area. A legitimate claim soon clashed with the greed of powerful local people. “They placed hurdles of all kinds in my path,” Fr. Stefano laments. “The situation turned very ugly, they started threatening me with death, trying to tarnish my name and sending letters to the local Bishop. It was a hard time, I was scared. When they killed Fr. Fausto Tentorio, in the fall of 2011, they told me, ‘You will be next.’ Fortunately, I’m still here.”

In 2013, the Filipino government issued a law that offers these tribal people the opportunity to apply for a mine-operating permit as they “arrived first”to the territory. “My people sensed the importance of this opportunity and understood that, if they turned down the government’s offer, they would have opened the door to the arrival of foreign multinationals.” Thus, the Lumad Mining Corporation was established, with the financial support of a friendly politician. Thanks to the intervention of a pro-Lumad Filipino and all required legal documents in hand, we are now studying how to carry out the project.

PIME runs a very important educational service through the Lakewood mission. It makes sense, since the number of children and young people that hang around the parish is so high. “Through the PIME Foundation,” Fr. Mosca explains, “there are 186 students who will take advantage of this opportunity this year: 36 in college, and 150 in high school. They are mostly tribal, because they face more learning difficulties.” In addition to this school, there is also the diocesan vocational school recognized by TESDA (Technical Education and Skills Development Authority). An important vocational school promoted by the State that offers a diploma recognized throughout Asia. The children and their families are asked to pay a small, accessible fee, about a third of the cost of similar schools in nearby Pagadian City. “Formally owned by the diocese, every year this vocational school educates more than 300 students through various training courses for manual work.” Fr. Stefano took advantage of the previous experience of Fr. Ilario, who had already opened a Tesda school in Sampoli. “Today we have 12 recognized courses,” Fr. Stefano explains. “In our school we train welders, electricians, mechanics of motorcycles and cars, but also computer technicians, tailors, masseurs, physiotherapists, taxi drivers and bus drivers. We have recently started a course to teach how to preserve food: make jams or can sardines in oil, etc. These are all courses we have studied for the Lumad because, in the absence of some work skills, they would continue to be socially marginalized.” The result? “The vast majority of the students who have graduated have already found work: one has become the chauffeur of the mayor of his town; another is in Manila working as welder in skyscrapers under construction. Being able to work allows them to have an income and send money home, it gives them a strong sense of self-esteem.”

The third front on which the parish works is medical care for the sick. “The nearest hospital is the Pagadian Medical Center, 37 miles from here. We had a public hospital in the village, but the authorities closed it. Pagadian is semi-private and my people cannot afford it,” says Fr. Stefano. “The nearest state clinic is in Margosatubig, but there, too, care is not free. Consequently, they put off a visit to the doctor or hospitalization until it might be too late. Hence, why so many recoverable sick people end up dying.” It is for this reason that the parish of Lakewood is setting up a Caritas fund for the sick.

Among the many young people who have passed from his parish, Fr. Stefano has not forgotten Cristy Capua. “She was finishing middle school and, as she was good at school, I promised to help her get into college.” On the first Sunday of June 2017, Cristy received her Confirmation. A few days earlier, participating in a work camp organized for the students, a stray dog bit her. Frightened by the possible costs of treatment, she said nothing but simply rubbed some alcohol on the wound.”

Fr. Stefano fights for equal opportunities for the Suban people; more often than not, their own government forgets them. “When I went to bring her the certificate of Confirmation,” Fr. Stefano remembers. “I saw that she was pale, but she explained that she was just tired.” In short, Cristy got worse. Fr. Stefano was going to suggest that Cristy use the Caritas fund to pay for the costs of her treatment. By the time he made it to the hospital, it was too late: rabies had already taken her life. “The nun at the hospital told me that right before dying, Cristy comforted her family members: ‘Why are you crying? Jesus is coming to take me and I go with him, I’m happy. Why are you crying?’” They buried her near the parish church. Fr. Stefano concludes: “From time to time I stop at her grave, and I ask her to intercede for our young people.”

Advertisements

Cercando di capire qualcosa sull’Amazzonia, visto che sarà un tema missionario per il 2019, mi sono imbattuto in un libro strano: Don’t sleep, there are snakes: Life and language in the Amazonian jungle (2009). All’autore del libro, Daniel Everett, era stato assegnato , dalla Wycliffe Bible Translators, il compito di tradurre la Bibbia in lingua Pirahã perché nessuno ci era riuscito. Nel suo racconto, molto scientifico, Everett mostra i passi lenti e meticolosi, fatti nell’arco di 30 anni, con cui arriverà a padroneggiare quella lingua e la graduale consapevolezza dell’insolita percezione di essere entrato in contatto con uno dei linguaggi più strani e originali del mondo.

Tutte le lingue hanno caratteristiche uniche, ma il Pirahã ne aveva troppe, come assenza di numeri, di conteggi e colori, di miti della creazione e il rifiuto di parlare del lontano passato o del lontano futuro, inclusa quella unica della “ricorsione”, la capacità di mantenere un processo ricorrente nella sintassi finchè c’è fiato per raccontare.

La cosa strana è che sebbene Everett fosse partito come missionario, lungi dal convertire i Pirahã furono loro che lo convertirono, ovvero fecero tabula rasa delle sue credenze religiose e divenne ateo: la natura è in sé autosufficiente, non ha bisogno di rivelazioni o sacre scritture ad avvalorarla e questo si rifletteva nel modo di vivere dei Pirahã in un concetto di comune e atavica felicità, tra di loro e tra di loro e i visitatori. Atarassia, insomma.

Devo dire che la tentazione atea si presenta sempre quando ci si imbatte in gruppi indigeni simili che hanno origini lontanissime, decine di migliaia di anni prima della venuta di Cristo o dei primi libri della Bibbia. Molti aspetti dei Pirahã si possono ritrovare negli Ati di Antique, rimanenze di insediamenti di Negritos arrivati nell’arcipelago filippino 30.000 anni fa, ancora senza numeri e nomi per i colori, e ricordo che tutte le volte che passavo del tempo con loro mi passava sempre per la testa che questa avrebbe dovuto essere la realtà da seguire e non quella che per regola dovevo predicare. Il dubbio insomma che quel mondo non avesse bisogno di Dio e che semmai era la fine o l’inizio della Sua ricerca. Il mito del buon selvaggio? Può darsi.

Probabilmente fu la sfida fondamentale affrontata da p. Augusto Gianola, PIME, che a un certo punto si accorse che non era più in Amazzonia per portare Dio, lo aveva perso. In uno forzo estremo cominciò a “inseguirlo” per il resto della giungla e, come poi disse un suo amico prete, della sua stessa vita. Una lotta insomma, come quella di Giacobbe con l’Angelo o di Ulisse con Scamander (non quello di Animali Fantastici!)

Dal mio inutile punto di osservazione, se c’è un aspetto insolito della vita cosiddetta “ai margini”, come quella tra le popolazioni aborigene del pianeta, è proprio questo: Dio lì non puoi portarlo e tanto meno catturarlo, se cerchi di farlo ti sfugge o ti azzoppa. Tuttavia , contrariamente a Everett, e a scapito di equivoci, va comunque cercato tra coloro che ti convertono. In “ricorsione”.

Luciano

Cathedral back to life, but Jolo folk still in pain

Inquirer

Cries of pain broke the sad melodies of prayers sung as hymns at the Jolo Cathedral on Saturday, where at least 24 people were killed and hundreds wounded in a terror attack in January. The cathedral commemorated the 40th day of the attack in a community prayer for those who died.

“Pain is still deep, sorrow is still paralyzing,” said Fr. Romeo Saniel, OMI (a native of Balindog, Kidapawan), Jolo vicariate administrator, during homily. “But letting go is a grace of God as we remember the martyrs who died inside the cathedral,” Saniel said. Parishioners lit candles and offered flowers at the spot where a friend or a relative died in one of two explosions that hit the church during Sunday Mass.

It was the first time since the bombings that a community prayer was held inside the cathedral. Saniel offered prayers for at least 112 people injured in the blasts. Many of them are still in hospitals, he said. In a joint statement issued shortly after the terror attack, then Jolo Bishop Angelito Lampon, OMI, DD, and then Cotabato Archbishop Orlando Cardinal Quevedo, OMI, DD, described the attack as “the most heinous desecration of a sacred place, on a sacred day and at a sacred moment of worship.” “It is truly a satanic act that all sacred religions must condemn,” the two prelates said.

Saniel appeared to be hopeful, though, that life would return to normal in the cathedral. He said the rebuilding of the cathedral, with a new design, would soon start with architect Marcos de Guzman Jr. leading the work with Cotabato City-based architect Rebecca Hagad. De Guzman’s father and namesake designed the cathedral when it was built in 1964.

The military said the attacks were carried out by Indonesian suicide bombers. The suspects, a man and woman, wrapped themselves with bombs which were set off minutes apart in the middle of the place of worship and just outside the main entrance, according to the military.

An international monitor said the Islamic State had claimed responsibility. Military operations were still continuing in the mountains of Jolo and nearby islands against Abu Sayyaf, which the government said had helped the foreign bombers carry out the bloodiest attack on the cathedral.

 

Dal mio inutile punto di osservazione mi par di capire che oggi l’assenza di frontiere temporali e spaziali, polverizzate dalla tecnologia d’avanguardia, ha dato carta bianca e libero accesso al capitalismo. Pretende di essere l’unico pensiero pratico che libera e emancipa l’umanità e rende il nostro impegno (economicamente sostenuto o no) folklore religioso. La sua è una illimitata ingerenza nel tutto. L’avviticchiare che ha prodotto tra gli interessi che legano offerta e domanda, creditori e debitori, chi parla e chi ascolta, chi aiuta e chi è aiutato, rendono ogni proposta di eguaglianza, di fratellanza, anche su scala minima di una piccola comunità cristiana sparsa sui monti di Mindanao, praticamente inattuabile.

Seguendo le tirate di Duterte contro la chiesa filippina e la mancanza di risposte adeguate (a parte mons. David) mi viene da dubitare che interessi ben poco essere scherniti. Quello che conta è rimanere all’interno del perimetro imposto dal moderno sistema sociale ed economico che produce sì diseguaglianza, ma anche quel surplus di ricchezza a cui tutti aspirano (fino a quando i cinesi portano soldi alle casse dello stato a Duterte ben poco importa di essere preso in giro). Forse è così in tutto il mondo. Qualunque sia la nostra azione in nome di Cristo o dei poveri questa non può nulla di fronte a un sistema capillare che da una parte regala pagliuzze d’oro e dall’altra, come rullo compressore, non concede freni di sorta e asfalta, te e la tua Religione, a una teorica sottigliezza di non ingerenza.

Purtroppo, si cade nel “beninteso” che siano i movimenti di denaro a risolvere le crisi, in primis quelle dei poveri, come se queste non fossero causate invece dalle contraddizioni tipiche del sistema di produzione delle merci che mette in competitività classi alte e basse, destrose e sinistrose, cristiane e musulmane, in Cina come nelle Filippine e nel resto del mondo. Tuttavia, un giorno, tutto questo finirà in un inutile scazzottare per poter tirare su la poca zuppa rimasta con cucchiai troppo grandi. Allora, dal basso, tutti dovranno pur riconoscere che era stata una follia, auspicando che qualche uomo illuminato dallo Spirito abbia già ricevuto la grazia di pensare a qualcosa di veramente “altro”.

Luciano

Bishop confirms getting death threats

A Catholic bishop, who has been critical of the government’s bloody drug war, confirmed receiving death threats from unknown people. Bishop Pablo Virgilio David of Kalookan said the threats first came about two weeks ago.

“But I don’t know who they are coming from,” said David, who is also the Vice President of the Catholic Bishops’ Conference of the Philippines.

In a turnaround from previous remarks, President Rodrigo Duterte on Sunday warned people against harming bishops and clergymen. At a campaign rally in Cebu City, he quoted part of Cardinal Luis Antonio Tagle’s message to him that David and some priests received death threats from “someone claiming to be working for the president’s family”.

“Do not touch priests, they had nothing to do with politics,” Duterte said.

“Either Muslims or Christians, they had nothing to do with us. Do not do it. Do not try to do it. The religious [leaders] has nothing to do with the vagaries of life. Lay off! Stop threatening them or you will have to face me,” he added.

Duterte has repeatedly slammed the Church in response to its criticism against his drug war and David has become the main target of the president’s tirade. Recently, the president intensified his attacks on the Church, even urging people to kill bishops.

Asked if the death threats are tied to his campaign against drug killings, David said, “your guess is as good as mine”.

Still, the bishop said nothing would stop him from being critical of the drug war which has already claimed thousands of lives. Human rights advocates alleged that the death toll in Duterte’s drug war has surpassed 20,000 since he assumed office in 2016.

“No threat or intimidation can stop me from carrying on with my spiritual and pastoral duties as a bishop,” David said.

Incontro PIME Filippine 19-22 Febbraio

caelliFocalizzati, come sempre, sulla nostra identità PIME nelle Filippine a partire dal fatto che ciascuno di noi ha cercato di mostrare nel rapporto annuale (scritto o a voce) che si è lasciato dietro un altro anno. Anzi 14 anni come il numero dei presenti. Tutto sommato potremmo anche dire, viste le differenze di età, una storia di vita… che in fondo è stata la tematica sottostante alla celebrazione dei nostri 50 anni di presenza nelle Filippine e del suo libro annesso e decompresso.

Interessante incontro perché non siamo stati prigionieri di una sorta di preoccupazione psicologica per mostrare di essere un gruppo di avanguardia (missionaria), ma semmai un drappello di persone che si è lasciato dietro molte cose, brutte o belle, perché così è: tradotto in una nostra liturgia per i 60 anni di sacerdozio di p. Ilario Trobbiani, nel “stai dietro me disse Cristo a Pietro”, e si potrebbe aggiungere, che è meglio così.

Certo, per difetto, cadiamo nella trappola di raccontare “solo quello che io sono, quello che ho fatto”, mentre sarebbe interessante che qualcun’altro della ‘fraternità’ potesse raccontare la mia storia tanto per far capire che la mia identità non è una cosa isolata che riguarda solo me, ma è relazionale.

pime2019A conclusione del nostro incontro, il Superiore Generale p.Ferruccio Brambillasca ci aggiorna brevemente sulla vita del PIME. Per la prima volta, in India, vi è tenuto un incontro tra istituti che si sono ispirati al PIME, sia nel ramo femminile che maschile. Circa 15 quelli rappresentati. Il motivo era quello di recuperare certe radici storiche comuni sparse nel mondo per conoscere meglio chi siamo e cosa possiamo fare assieme per il futuro. Ci sono stati anche incontri, in Italia, con i numerosi ex alunni del PIME.

A riguardo dei percorsi vocazionali sono un centinaio gli studenti in filosofia e teologia del PIME con due grossi gruppi provenienti dall’India e dall’Africa.

Tema da non prendere sottogamba è quello della vocazione. A volte, ci dice p. Brambillasca, abbiamo mandato avanti confratelli non idonei al sacerdozio o alla missione e forse per questo sono aumentati gli abbandoni, anche se coloro già sacerdoti hanno preferito incardinarsi nelle loro diocesi.  E‘ una crisi d’identità carismatica che ci interroga, per questo dobbiamo migliorare la formazione alla vita missionaria per chiarire che ruolo deve coprire in futuro un candidato se sacerdotale o laicale.

Una modifica nella formazione è stata quella di rielaborare il termine “seminario” per meglio tradurlo in “comunità formativa”, dove durante il cammino formativo uno studente possa veramente scoprire la sua vocazione e presenza nel PIME come sacerdote o laico.  Quindi programmare un discernimento sulla vita missionaria sin dall’inizio e poi si vedrà. Un cambio nominale per dare maggior identità all’Istituto. Si pensa anche a introdurre una esperienza pratica di missione per gli studenti che finiranno la filosofia, considerandola come una anticipata destinazione alla missione.

Incontro a sorpresa con il nunzio apostolico nelle Filippine, mons. Gabriele Giordano Caccia. Ci parla di come alcuni pensieri sulla identità nazionale si scontrino con la fede cristiana, che per alcuni circoli intellettuali, è stata imposta con l’arrivo dei conquistatori e frati spagnoli. Si percepisce questo quando si visitano i musei nazionali. Cristianesimo come qualcosa di imposto e quindi il rischio che nella ricerca della identità profonda del paese si salti completamente gli ultimi 500 anni. La domanda che si può fare è se senza questi 500 anni di storia cosa sarebbe stato delle Filippine: un aricpelago di piccoli regni, parte del Borneo o della Cina o altro.  Quindi chiarire la distinzione tra messaggio cristiano e la sua origine non propriamente europea, semmai medio orientale e il fatto che il cristianesimo ha un messaggio a portata universale e non legato alla nazionalità del messaggero che trasmette questo messaggio.

Circa i nazionalismi si tenta un dialogo tra stesse chiese con lo scopo di purificare la memoria. Come avvenuto a Badoc nel nord del paese, uno scambio tra la chiesa giapponese e quella filippina riconoscendo due beati  Justo Ukon Takayama (1552-1615) – morto in esilio a Manila il 3 febbraio 1615 (ora venerato come il terzo “beato” della Chiesa Filippina) e il beato Lorenzo Ruiz (1600-1637) laico filippino martirizzato in Giappone.

Il nunzio ci parla anche delle diocesi filippine, molto grandi ma con poco clero. In questo caso è molto importante la presenza delle Comunità di Base, come presenza capillare. Una via da percorrere anche per la diminuzione delle vocazioni sacerdotali dove la figura del prete non è più ambita, socialmente, come un tempo.  Quindi è importante la formazione di persone che possano mantenere la catechesi e le celebrazioni domenicali in assenza di clero.  Per le congregazioni missionarie  sarebbe poi auspicabile che potessero portare l’annuncio dove non è ancora arrivato per vari motivi o per le barriere culturali presenti, soprattutto in Mindanao. Inoltre da non dimenticare uno dei pilatri della Chiesa, la presenza dei catechisti e delle catechiste. I numeri sono grandi soprattutto nelle scuole pubbliche per cui occorrono persone preparate e volenterose attorno al prete e al missionario.

superiori.JPG

A conclusione, solita ma interessante celebrazione dei 50 anni, tra canti e discorsi per l’occasione, con presenza del vescovo, mons. Mercado, del PIME al completo e della comunità parrocchiale, Mary Queen Of Apostle Parish di Paranaque.

Ora un nuovo anno ci attende anche se già sappiamo che il tempo emerge da una realtà eterna che in fondo è un vuoto da riempire. Con coraggio.

 

Update on the case of fr. Fausto “POPS” Tentorio, PIME

faustowwKIDAPAWAN, February 8, 2019 by Fr. Peter Geremia

On March 31, 2017, a new state prosecutor, Peter L. Ong, was appointed and tasked to conduct an in-depth re-investigation on the Tentorio Case.

This new prosecutor reviewed all the previous testimonies and new testimonies were added. He came to Arakan and Kidapawan several times with his team for ocular verification and with great skill he confirmed the validity of their testimonies. On October 20, 2017 he signed his report with the following recommendations:

  • To dismiss the charges against the two Muslim suspects, Jose and Dima Sampulna, who were included in the first complaint filed by the National Bureau of Investigation (NBI) on February 10, 2012;
  • To file a new complaint for “Murder” against the following;
  1. Nene Durado (identified with the “ilaga” fanatic group of Settlers who fought against the Muslims and Tribals since 1970’s and even now continue to take over more and more lands of the Tribals).
  2. Jimmy and Robert Ato (suspected hired killers)
  3. Jan Corbala ( a commander of a group of tribal warriors called “BAGANI”) and 3 members of his group.
  4. Former Arakan Mayor Romulo Tapgos and 2 Arakan Businessmen.
  5. Col. Joven Gonzales and Major Mark Espiritu (2 military officers in command of the 57th IB and the Special Forces Units at the time of the killing of Fr. Fausto).

The report of Prosecutor Ong was published on November 2017 and the news caused reactions both in the Philippines and Abroad. Four key witnesses and their families were rushed into safe houses under the Witness Protection Program (WPP) constantly guarded like prisoners. Then there was another delay until May 2018 due to the change of the DOJ Secretary. Finally the new DOJ secretary Menardo Guevarra appointed a new team of Prosecutors who completed their preliminary investigation and  on December 2018 they informed us that the case was submitted for resolution and the trial is expected to start soon, unless there are more delays…

Such a long process, more than seven years, so many investigations but no trial yet. What results can this long struggle “For Justice for Pops” have? What results for all the sacrifices of the witnesses who are risking their lives, especially the four families who have abandoned their homes and work and are hiding with their children in safe houses? They are tired of waiting, But they have become different persons, at first afraid, but gradually more determined. Then the efforts of our main lawyers, Atty. Gregorio Andolana who handled the Favali Case, and Atty. Manuel P. Quibod, the Dean of the Law Department in the Ateneo of Davao, plus other Lawyers who are providing free legal assistance to many human rights victims. Then the financial support, especially from the “Associazione Non Dimentichiamo Padre Fausto” from the Tentorio family and friends. Also the government has invested large budgets and lately they have received funds from the Asia Foundation which volunteered to support this case because they noticed great community support from Arakan, Kidapawan and even national and international concerned groups…

What results from all these efforts?

We were tempted to stop seeking justice in court, but the re-investigation of Prosecutor Ong and the latest testimonies have clarified that the main proponents of the killing were the Ilaga Group that have occupied the tribal lands in Barangay Dallag and surrounding areas at the boundary of Arakan and Davao. In fact, according to the testimonies, the main suspect who brought the plan to kill Fausto to the Bagani group was NENE DURADO who is widely known as the most notorious Ilaga “Killer” in that area. According to the Tribals in the 1970’s he personally tortured and killed 7 Datus or Tribal Leaders and burned their houses and forced their communities to abandon their lands. Thus Nene Durado and the Ilaga settlers have occupied and developed most of the Tribal lands in that area, and even recently Nene Durado was repeatedly involved in ambushes and threats against the Tribals.

ILAGA is an acronym for “Ilonggo Land Grabbing Association “, the same movement of the Manero group who killed Fr. Tullio Favali, PIME in Tulunan in 1985. The Ilaga enjoyed, and continue to enjoy immunity and the full support of the military because they are used as vigilantes in fighting both Muslim and leftist Rebels.

How can we abandon this case that has become a test case to show that justice is possible in court for Pops and many other similar Extra Judicial Killings (EJK)?

Now the trial can confirm the identity of the perpetrators and their main motive. Most Tribals say that the main motive or reason for killing Fr. Fausto was because Fausto was identified with the Tribals in Arakan as their protector since most of them asked for his help for all their needs. His solidarity and support to the Tribals, all his programs of education, organizing , sustainable agriculture and health etc. were resented by the Ilaga overlords as potential threats to their landgrabbing, especially when some Tribals began to reclaim their ancestral lands with the help of Fr. Fausto. The Ilaga also spread suspicions that both the Tribal leaders and Fausto have connection with the rebels. The trial can clarify who participated in the plan and the actual killing of Fr. Fausto. And finally the trial can bring some justice not only to Fr. Fausto, but also to many Tribal victims. It can be a warning to landgrabbers and it may contribute to restrain those who are accustomed to killing with impunity, to show that the practice of impunity may not last forever.

The trial can also provide some security to those who continue Pops’ programs. The legacy of Fr. Fausto can encourage and inspire more volunteers to serve the poor. In his “Last Will” Fausto quoted the Bible text “Oh man you know what is good and what God requires of you: to do justice, to love mercy and to walk humbly with your God” (Micah 6:8) and he added in the local dialect “Your Dreams are my Dreams, Your Struggles are my Struggles; You and I are one as partners in building the Kingdom of God”.
Jesus was the one who proposed to build the Kingdom of God, that is the Kingdom or system of justice and peace, and that was also the reason why He was killed. Fausto wishes that all may understand that this was his motivation in serving the poor. And that is what the evidence in the trial can confirm.

Aggiornamento caso padre Fausto

Fr. Peter Anthony Geremia, PIME

KIDAPAWAN, 8 febbraio 2019

Il 31 marzo 2017 era stato nominato un nuovo procuratore di stato, Peter L. Ong, incaricato di condurre un’indagine approfondita sulla causa Tentorio.

Questo nuovo pubblico ministero esaminò tutte le precedenti testimonianze alle quali sono state aggiunte nuove testimonianze. Ong visitò Arakan e Kidapawan diverse volte, con la sua squadra, per la verifica oculare e con grande abilità confermò la validità delle nuove testimonianze. Il 20 ottobre 2017 ha poi firmato la sua relazione con le seguenti raccomandazioni:

  • Respingere le accuse contro i due sospetti musulmani, Jose e Dima Sampulna, che erano stati inclusi nella prima denuncia presentata dal National Bureau of Investigation (NBI) il 10 febbraio 2012;
  • Presentare un nuovo reclamo per “Omicidio” contro queste persone;
  1. Nene Durado (identificato con il gruppo di fanatici “ilaga” di coloni che hanno combattuto contro i musulmani e i tribali fin dagli anni ’70 e anche ora continuano a conquistare sempre più terre dei tribali).
  2. Jimmy e Robert Ato (sospetti assassini assoldati)
  3. Jan Corbala (comandante di un gruppo di guerrieri tribali chiamato “BAGANI”) e 3 membri del suo gruppo.
  4. L’ex sindaco arakan Romulo Tapgos e 2 uomini d’affari Arakan.
  5. Lt.Col. Joven Gonzales e il maggiore Mark Espiritu (2 ufficiali militari al comando del 57mo IB e delle unità delle forze speciali al momento dell’uccisione di don Fausto).

Il rapporto del procuratore Ong è stato pubblicato nel novembre 2017 e le notizie hanno causato reazioni sia nelle Filippine che all’estero. Quattro testimoni chiave e le loro famiglie sono stati portati di corsa in case sicure sotto il Programma di protezione dei testimoni (WPP) costantemente sorvegliati.

Poi c’è stato un altro ritardo fino a maggio 2018 a causa del cambio del segretario del DOJ.

Finalmente il nuovo segretario del DOJ Menardo Guevarra ha nominato una nuova squadra di pubblici ministeri che ha completato le indagini preliminari e nel dicembre 2018 ci hanno informato che il caso è stato presentato per una risoluzione e il processo dovrebbe iniziare presto, a meno che non ci siano altri ritardi.

Il processo sino ad ora è stato lungo, più di sette anni, tante indagini ma nessuna soluzione certa. Quando terminerà questa lunga lotta “Per la giustizia e per padre Pops”? Cosa succederà ai testimoni che stanno rischiando la vita, in particolare le quattro famiglie che hanno abbandonato le loro case e lavorano e si stanno nascondendo con i loro figli in case sicure? Sono stanchi di aspettare, ma ora sono persone diverse, prima spaventati, ma gradualmente ora più determinati. Molti gli sforzi dei nostri avvocati, Atty. Gregorio Andolana (che ha gestito il caso Favali ) e Atty. Manuel P. Quibod, Decano del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Ateneo di Davao e altri avvocati che già forniscono assistenza legale gratuita a molte vittime dei diritti umani. Poi importante il sostegno finanziario, in particolare dall’Associazione Non Dimentichiamo Padre Fausto, della famiglia e degli amici di Tentorio. Anche il governo ha investito ingenti budget e recentemente ha ricevuto fondi dalla Fondazione Asia che si è offerta volontaria per sostenere le spese di questo caso perché ha notato un grande sostegno della comunità di Kidapawan e persino di gruppi nazionali e internazionali interessati …

Cosa hanno portati questi sforzi?

Siamo stati tentati di smettere di cercare la giustizia in tribunale, ma la nuova inchiesta del procuratore Ong e le ultime testimonianze hanno chiarito che i principali fautori dell’omicidio era un gruppo di Ilaga che ha occupato le terre tribali di Barangay Dallag e le aree circostanti ai confini di Arakan e Davao. Infatti, secondo le testimonianze, il principale sospettato che offrì il piano per uccidere Fausto al gruppo Bagani fu NENE DURADO ampiamente conosciuto come il più famoso “killer” degli Ilaga in quella zona. Secondo i tribali (del luogo) negli anni ’70 torturò e uccise personalmente 7 Dato o leader tribali, bruciando le loro case e costringendo le loro comunità ad abbandonare le loro terre. Così Nene Durado e i coloni dell’Ilaga hanno occupato la maggior parte delle terre tribali in quella zona e anche recentemente Nene Durado è stato ripetutamente coinvolto in imboscate e minacce contro i tribali.

ILAGA è l’acronimo di “Ilonggo Land Grabbing Association”, lo stesso movimento del gruppo Manero che ha ucciso p. Tullio Favali, Pime a Tulunan nel 1985. L’Ilaga ha goduto, e continua a godere dell’immunità e del pieno sostegno dei militari perché sono usati come vigilantes nella lotta sia contro ribelli musulmani che quelli di sinistra.

Come possiamo abbandonare questo caso che è diventato un banco di prova per dimostrare che è possibile fare giustizia in tribunale per Pops e molti altri simili uccisioni giudiziarie extra (EJK)?

Ora il processo può confermare l’identità degli autori e il loro motivo. La maggior parte dei tribali dice che il motivo principale o la ragione per uccidere p. Fausto era perché Fausto era identificato con i tribali in Arakan come il loro protettore, poiché la maggior parte di loro chiedeva il suo aiuto per i loro bisogni. Per la sua solidarietà e sostegno ai tribali, per tutti i suoi programmi di educazione, organizzazione, agricoltura e salute sostenibili, ecc per i signori degli Ilaga erano come potenziali minacce al loro landgrabbing, specialmente quando alcuni tribali iniziarono a reclamare le loro terre ancestrali con l’aiuto di p. Fausto. L’Ilaga ha anche diffuso il sospetto che i leader tribali amici di Fausto abbiano legami con i ribelli. Il processo può chiarire chi ha partecipato al piano e l’effettiva uccisione di p. Fausto. E finalmente il processo può portare un po’ di giustizia non solo a p. Fausto, ma anche a molte vittime tribali. Può essere un avvertimento per i landgrabbers e può contribuire a trattenere coloro che sono abituati a uccidere impunemente, a dimostrare che la pratica dell’impunità potrebbe non durare per sempre.

Il processo può anche fornire un po’ di sicurezza a coloro che continuano i programmi di Pops. L’eredità di p. Fausto può incoraggiare e ispirare più volontari a servire i poveri. Nella sua “Ultima Volontà” Fausto ha citato il testo biblico “Oh uomo, tu conosci ciò che è buono e ciò che Dio richiede da te: fare giustizia, amare la misericordia e camminare umilmente con il tuo Dio” (Michea 6: 8) e ha aggiunto nel dialetto locale “I tuoi sogni sono i miei sogni, le tue lotte sono le mie lotte; Tu ed io siamo uno come partner nella costruzione del Regno di Dio “.

Gesù è stato colui che ha proposto di edificare il Regno di Dio, cioè il Regno o un sistema di giustizia e pace, e questo è stato anche il motivo per cui è stato ucciso. Crediamo fermamente che Fausto voglia far capire, ancora oggi, che questa è stata la sua motivazione nel servire i poveri. E questo è ciò che le prove nel processo potrebboro confermare.

The Mission Station in Kalookan – Stazioni Missionarie Urbane

by Fr. Wilfredo M. Samson, SJ

THE increasing incidence of senseless killings and violence related to the drug problem is indeed morally alarming. Since President Rodrigo Duterte announced his desire to solve the drug crisis in our country, the daily killings of suspects involved in drug trade have became part of our morning news. We are one with the President in solving the menace of illegal drugs, but killing people – guilty or not – is not and never will be the solution. The solution to the problem is not killing the users but apprehending those who produce prohibited drugs.

According to PNP statistics, as of July 2018, 4,500 people were killed in legitimate police operations. (In reality) Sad to say, 23,518 were killed by “unidentified assailants” and 149,265 (so called) drug users were arrested all over the country.

Having garnered the highest EJK incidence, Kalookan City was tagged as the EJK capital of the Philippines. In Kalookan City, almost daily, someone is being murdered without mercy. Unfortunately, most of the victims are minors, innocent, and poor people.

This remorseful and dangerous reality, moved Bishop Virgilio “Ambo” David, the Bishop of Kalookan City, to lead the fight against EJK in his diocese. He recognizes the importance of healing and empowering the poor, since most of the EJK victims come from the poor segment of society.

As part of Bishop Ambo’s “Out of the box” program, he invited religious communities to live with “the poorest of the poor” in his diocese. He invited them to establish mission stations whose main objective is to cater to the needs of the poor, especially to the families of the victims of EJK. The prelate envisions that the mission stations will help empower people to eradicate the drug problem and the incidence of EJKs. He wants religious communities to help build BECs, educate the poor about their legal rights, assist families of EJK victims, and be catalysts of hope in communities.

On Oct. 1, 2018, Bishop Ambo officially installed the 13th mission station in his diocese, the Sacred Heart Mission Station in Kaunlaran Village. The Society of Jesus has assigned one Jesuit priest and two scholastics to shepherd the community. The energetic Bishop Ambo simply wants the mission stations to do the following:

  • Build the COMMUNITY of active disciples;
  • Be the PRESENCE of the Church;
  • EMPOWER people to fight for life, and
  • Be an INSPIRATION to the poorest of the poor

All Christians are being invited by the Lord to help save lives, heal wounds, and bring hope to the poor. Our Lord explicitly commands us, “Gather all those crumbs, nothing should be wasted” (John 6:12).

EJK is evil. Violence must be stopped. We pray for more courageous disciples to preach the Good News and resist all evil works. As Bishop Ambo said, “The death of our conscience is more dangerous than [the] senseless killings themselves.”


 

L’aumento del numero di uccisioni e violenze extra legali (EJK, Extra Judicial Killing) legate al problema della droga è oggi davvero allarmante. Ogni giorno, da quando il presidente Rodrigo Duterte ha annunciato il suo piano per risolvere (a modo suo) la crisi della droga nel nostro paese, sono in corso sommarie uccisioni di sospettati coinvolti nel traffico di droga. Siamo con il presidente nel risolvere la minaccia delle droghe illegali, ma uccidere persone – colpevoli o meno – non è e non sarà mai la giusta soluzione. La soluzione non sta nell’uccidere chi è sospettato di usare la droga ma arrestare coloro che la producono.

Secondo le statistiche della Polizia Nazionale a luglio del 2018, in tutto il paese, 4.500 persone sono state uccise dalla Polizia in legittime operazioni. In realtà è stato documentato che 23.518 siano le vittime uccise (illegittamente) da “assalitori non identificati” e 149.265 gli arresti arbitrari di coloro considerati tossicodipendenti.

Dopo aver avuto la più alta concentrazioni di questo tipo di uccisioni, la città di Kalookan è stata etichettata come la capitale filippina degli EJK , dove si stima, tuttavia, che la maggior parte delle vittime sono minorenni, innocenti e povera gente.

Questa triste realtà ha mosso mons. Virgilio “Ambo” David, il vescovo della città di Kalookan, a guidare la lotta contro l’EJK nella sua Diocesi, riconoscendo l’importanza di guarire e responsabilizzare i poveri, dal momento che la maggior parte delle vittime dell’EJK proviene dal segmento più povero della società.

Come parte del programma “Out of the box” (letteralmente “uscire dal proprio guscio” cioè dalla ristretta opinione corrente) mons. Ambo, ha invitato le comunità religiose a vivere con “i più poveri dei poveri” nella sua diocesi. Li ha invitati a stabilire stazioni missionarie il cui obiettivo principale è di attendere ai bisogni dei poveri, in particolare delle famiglie vittime dell’EJK. Il prelato si auspica che le stazioni missionarie possano aiutare le persone a sradicare il problema della droga e del numero delle uccisioni EJK. Vuole che le comunità religiose aiutino a costruire le BEC Comunità di Base, per educare i poveri nel riconoscere i loro diritti legali, assistere le famiglie delle vittime dell’EJK ed essere catalizzatori di speranza nelle comunità.

Il primo ottobre del 2018, il vescovo Ambo ha installato ufficialmente la tredicesima stazione missionaria nella sua diocesi, la Sacred Heart Mission Station nel villaggio di Kaunlaran. La Compagnia di Gesù ha affidato questa stazione a un pastore gesuita e a due scolastici come guide della comunità locale. Mons. Ambo vuole semplicemente che le stazioni di missione facciano quanto segue:

  • Costruire una COMUNITÀ dei discepoli;
  • Essere  la PRESENZA della Chiesa;
  • Incoraggiare le persone a combattere per la vita, e
  • ad essere un’ispirazione per i poveri dei più poveri.

Tutti i cristiani sono stati invitati dal Signore a salvare vite, a guarire le ferite e a portare speranza ai poveri. Nostro Signore ci comanda esplicitamente: “Raccogli tutte quelle briciole, niente deve essere sprecato” (Giovanni 6:12).

EJK è il male. La violenza deve essere fermata. Preghiamo per i discepoli più coraggiosi affinchè possano predicare la Buona Novella e resistere a tutte le opere malvagie. Come dice mons. Ambo, “La morte della nostra coscienza è più pericolosa delle [stesse] uccisioni insensate“.