Card. Tagle in Caritas International

Bishop_tagleCardinal Luis Tagle, (age 57) Archbishop of Manila, is the new president of Caritas Internationalis. The general assembly of the umbrella organization of Catholic charities elected the Filipino cardinal with 91 votes out of 133.

Cardinal Tagle will replace Cardinal Oscar Rodriguez Maradiaga as president of Caritas Internationalis. Cardinal Rodriguez, who offered his congratulations and warm support to the new president, stepped down after serving two terms.

Cardinal Tagle has played major roles in raising with the Filipino government various issues affecting the marginalized sector, and showed his effort in helping Filipino population, which is continuously stricken by an average of 20 typhoons per year.

Born in Manila on June 21, 1957 and ordained a priest in 1982, Cardinal Tagle was appointed bishop of Imus in 2001. In 2011, Benedict XVI appointed him Archbishop of Manila, and created him cardinal in Nov. 2012, during his last consistory.

What is Caritas International?

Caritas Internationalis is confederation of over 160 members who are working at the grassroots in almost every country of the world. When a crisis hits, Caritas is already on the ground. The diverse members give us our strength – from small groups of volunteers to some of the biggest global charities. Inspired by Catholic faith, Caritas is the helping hand of the Church – reaching out to the poor, vulnerable and excluded, regardless of race or religion, to build a world based on justice and fraternal love.

Caritas Internationalis has its headquarters in Rome – co-ordinating emergency operations, formulating development policy and advocating for a better world for everyone. All national Caritas organisations are members of their own regional Caritas networks and the international confederation.

From the founding of the first Caritas in Germany in 1897, to the setting up of Caritas Internationalis in 1951, until today, Caritas has a rich history of listening respectfully to the suffering of the poor and giving them the tools to transform their own lives. The deep moral and spiritual principles of dignity, justice, solidarity and stewardship still guide Caritas today.

Tropical forests in Arakan

The winner of the $500 Prize is:
Philippine Eagle Foundation – Holistic forest biodiversity conservation in the Arakan Valley through ‘corridors’ and ‘stepping stones’

Originally a lowland tropical forest, the Arakan Valley in North Cotabato, Philippines has lost 94% of its forests. What remains are confined in three forest islands, two of which are global KBAs.
Using a landscape restoration framework crafted by various stakeholders, a revitalized Arakan Forest Corridor Development Program (AFCDP) began in 2010. The AFCDP is a multi-year initiative that combines forest management, poverty alleviation, resource mobilization, local capacity building, advocacy and education to restore the social-ecological resiliency of the Arakan landscape and its predominantly poor, rural inhabitants. To date, 6,000 ha of the KBAs are legally protected with clear management regimes that also conserve IUCN ‘threatened’ species like the Philippine Eagle. Native trees were also re-planted in 370 ha of non-forest areas around ‘core zones’ through small-holder ‘rainforestation’ approaches, with census showing a 60 % average survival rate in successful reforestation plots.

Using a ‘sustainable livelihoods framework’ approach, the well-being of 200Indigenous households performing clear environmental services is also being secured. During the previous year, household annual income has tripled from rainforestation fees. Basic education, health and livelihood support were also facilitated as ‘conservation incentives’. Sustainable conservation financing and ‘in-kind’ incentives are brokered through ‘conservation agreements’ between communities and their government, private and corporate benefactors. We mobilized US $ 316,000.00 of funding so far through these innovative ‘private-public-community’ partnerships. Recently, a total of 36 ha of small, natural forests patches within production landscapes that are wildlife ‘stepping stones’ in between core zones will be rehabilitated and expanded through a private-landholder restoration initiative.

Facebook page: https://www.facebook.com/phileaglefdn

Mt Mahuson ICCA page: http://www.iccaregistry.org/en/sites/29

Incendio in fabbrica di scarpe

Almeno 45 operai sono stati uccisi e altri 26 dispersi dopo che un incendio ha inghiottito una fabbrica di calzature e infradito a Valenzuela City, MetroManila. I vigili del fuoco hanno detto che si aspettano di trovare più corpi quando raggiungeranno il secondo piano dell’edificio e hanno messo in guardia i soccorritori perchè potrebbe crollare.

L’incendio ha iniziato prima di mezzogiorno Mercoledì e vigili del fuoco sono riusciti a metterlo sotto controllo nel tardo pomeriggio.Probabilmente l’incendio è stato causato da scintille durante lavori di saldatura sul cancello della fabbrica innescando le sostanze chimiche dei vicini contenitori .

L’iimpianto è di proprietà della Kentex Manufacturing Corp.

Suspects

On Tuesday three suspects behind local kidnapping incidents in Baliguian, Zamboanga del Norte were arrested by the local Police. They were identified as Rudy Lim, Alerin Lim and Jolo Lim. The police said the suspects have a standing warrant of arrest issued by presiding Laarni Dajao of Regional Trial Court Branch 27 based in Siocon town, Zamboanga del Norte for kidnapping with serious illegal detention.
The court also recommended no bail for the suspects who were detained at Liloy Police Station.
Police are also investigating possible participation of the suspects in the previous kidnapping incidents that occurred in the west coast border of Zamboanga City, three towns away from Baliguian.

NEPAL: Caritas Update

From Caritas Nepal By Lilian Chan

The devastating 7.9 magnitude earthquake that hit Nepal early on Saturday morning has caused widespread destruction, injuries and loss of life and livelihoods. Caritas Australia staff are currently on the ground working alongside our Caritas Nepal to coordinate the emergency response for thousands of people in the worst affected communities. Lilian Chan, Caritas Australia Online Editor, was working in Kathmandu when the earthquake struck.

The earthquake struck without any warning. One minute I was filming an interview with a participant in one of Caritas Australia’s programmes in a village outside Kathmandu. The next, we were running to an open field as the ground shook violently and debris from houses went flying overhead.

Fortunately, the village of Pharping was spared much of the devastation we’ve now witnessed in Kathmandu. But as we watched the clouds of dust rising above collapsed houses, I knew that Caritas’ presence in the community would be more important than ever.

After the ground settled, we walked around the village to survey the damage. Having lived through earthquakes before, most people knew to take refuge in the open fields. I saw one young girl, probably no older than 4, sitting with her family, her eyes wide with fright. People her age have never experienced an earthquake like this.

The drive back to Kathmandu was a sobering one. As we passed yet another community coming to terms with the shock, I noticed a group of people standing on top of a large pile of rubble in the distance. It looked as if their home had completely collapsed and my colleagues said that the crowd were probably trying to rescue people still trapped in inside.

The scene in Kathmandu was heartbreaking. Buildings I had only seen for first time just days earlier were reduced to heaps of debris. People were evacuating their homes, with nowhere to take shelter. And we saw patients evacuated from the hospital, only to be treated on the ground, out in the streets.

Since the initial earthquake, we have continued to experience tremors, including a massive shock of magnitude 6.8 at around midday on Sunday. I have never experienced an earthquake before. The initial tremor is terrifying. But the continued threat of destructive aftershocks leaves people vulnerable long after the first shock.

A few days on from the earthquake, many people in Kathmandu are still sleeping out on the street or in open public spaces. Fearful of the aftershocks, people are still anxious that more homes and buildings will collapse.

Since Saturday, I have had the opportunity to speak to people who have been evacuated or lost their homes completely. Their experience is humbling. They are making do with what they have and courageously doing everything they can to look after themselves and their families. But rain and the cold nights are making the situation even more difficult, and food, water and basic necessities are scarce.

At the moment, our Caritas network are supporting the Caritas Nepal team as they prioritise emergency shelter, trauma counselling, food, clean water and the hygiene materials they desperately need. As the emergency response continues we will be working with communities to rebuild their livelihoods in the long term.

As I work alongside our partners in Nepal, and visit the affected communities, I’m overwhelmed and inspired by people’s generosity, ingenuity and resilience. With prayers and assistance flowing in from the international Caritas network, these communities will be bolstered by these acts of solidarity as they work to build back better.

Watch: https://www.youtube.com/watch?v=uKZRIpH9rqE

Nepalese people in the Philippines (in Wikipedia)

Hospitals in the Philippines have been opening up its residency program to doctors from impoverished Nepal to address a shortage of Filipino physicians. Doctors from Nepal have been migrating to the Philippines for residency training in government hospitals.

Bicol Medical Center (BMC) based in Naga City has about a total of 40 Nepalese doctors who are undergoing or are about to undergo residency training. They are assigned to different departments like pediatrics, obstetrics, surgery and internal medicine and will train under the hospital’s specialists and consultants in these fields. Other hospitals that also accepted the Nepalese doctors for residency training include the East Avenue Medical Center (EAMC), based in suburban Quezon City, Metro Manila and the Vicente Sotto Memorial Medical Center (VSMMC) in Cebu City.

Filipinos in Nepal: There are about 300 Filipinos living in the country and they comprise mostly of professionals, skilled workers, volunteers and missionaries.

In 2006, a peace agreement was signed between Maoist guerrillas and an alliance of seven political parties with the understanding that a new constitution would be signed in 2008.

In partnership with Caritas Australia, the Nepalese branch of the international organisation has assisted an estimated 12,000 farmers in the past.

Nepalese people in the Philippines

How to help victim in Nepal- UNICEF Philippines

30° dell’uccisione di P. Tullio Favali

30° dell’uccisione di P. Tullio Favali

Quando qualcuno è chiamato, per imprevedibili circostanze della storia, a dare la vita con il sangue, testimoniando così la sua adesione a Cristo e il suo servizio ai fratelli, siamo messi di fronte ad un dono che lo Spirito fa alla Chiesa e al mondo perché si realizzi nelle vicende storiche il Regno dei cieli.
Così è stato per p. Tullio Favali, missionario mantovano del P.I.M.E., ucciso nel villaggio de LA ESPERANZA a Tulunan nella diocesi di Kidapawan, nell’isola di Mindanao (Filippine) l’11 aprile 1985, mentre soccorreva dei catechisti e responsabili di quella comunità, feriti da colpi di mitra solo perché erano laici attivi nella Chiesa cattolica, dal gruppo tribale dei Manero, collaborazionisti dell’esercito regolare, allora in lotta contro i gruppi NPA (New People’s Army), al tempo della dittatura di Marcos.
Anche Giovanni Paolo II l’ha inserito nell’elenco del martirologio cristiano aggiornato per l’anno 2000, in occasione del Grande Giubileo.
Celebrare allora il trentesimo della sua uccisione il prossimo 11 aprile 2015 significa fare memoria di un dono che il Signore ha fatto a tutti noi, in primis al popolo e alla Chiesa filippina. E quando il Signore ci fa dei regali, questi sono per sempre; non ci vengono più tolti.
Ripensando al fatto accaduto 30 anni fa, mi convinco sempre più che la vita di p. Tullio e la sua morte è stata come una parabola per la nostra esperienza di cristiani qui in Italia e là nelle Filippine; una parabola attraverso la quale vedere il cambiamento della chiesa negli ultimi 50 anni.
Il fatto che Tullio, ormai al terzo anno di teologia, decise nel 1970 di uscire dal Seminario di Mantova, alla ricerca della sua vocazione, non convinto di una scelta sacerdotale già data fin da quando era ragazzo, suscitando sconcerto e incomprensione attorno a lui, lo costituisce una figura “contemporanea” molto vicina alla nostra sensibilità.
Voler essere certo della scelta, capire il ministero del prete “rinnovato” dal Concilio, inserito e a contatto con la gente, non isolato da essa, ma parte viva della comunità, più evangelizzatore e missionario che gestore di una struttura, provarsi in numerosi e vari lavori a contatto con esperienze diverse, parlare con tutti, anche quelli che non frequentano la parrocchia, condividere semplicemente la vita della gente, senza voler fare da padrone su di essa: per Tullio tutto questo non era insicurezza, ma il segno della ricerca di un cambiamento dell’essere chiesa, e quindi dell’essere prete, come il Concilio aveva indicato, passaggio epocale per certi versi non ancora compiuto.
Dopo 8 lunghi anni di ricerca nel mondo, spesso tormentata, dopo aver giocato a rimpiattino col Signore e con la sua vita, non può più durare a lungo e Tullio il 1° ottobre 1978 entra nel Seminario del Pime di Monza. Diventerà sacerdote il 6 giugno 1981 nella parrocchia di Cristo Re a Monza, a 35 anni.
La sua ricerca vocazionale rimane, per me, un paradigma dell’atteggiamento con cui le nuove generazioni oggi si avvicinano alla vita sacerdotale e missionaria.
Dopo solo un anno dal suo arrivo nelle Filippine, quando ancora era alle prese con lo studio della lingua locale, sei mesi prima del suo martirio, Tullio già aveva una visione chiara della situazione della gente e della chiesa in cui si trovava. In questa lettera inedita, per certi versi così profetica, emerge lucida la sua personalità, tutta la sua vicinanza alla gente, il suo spirito sacerdotale e missionario; in essa si vede come Tullio fosse già “incarnato” nella realtà filippina fino ad augurarsi di “dare il suo umile contributo” alla causa del popolo che amava come il suo.

Così mi scriveva da Davao il 6/11/84:

“La chiesa è organizzata secondo le comunità di base dell’America latina. Mi accorgo che un conto è l’organizzazione e un conto è la reale partecipazione della gente. L’organizzazione è ineccepibile. Ma la struttura non è tutto. Rimane il lavoro di formazione che non si lascia tanto incasellare in forme organizzative perché ha a che fare con persone concrete, soggette ad alti e bassi, e ad influenze esterne che sembrano rallentare il nostro lavoro. Mi riferisco ad una pressione militare che mira a smantellare le comunità di base, sospette di parteggiamento in favore delle forze sovversive comuniste armate, che lavorano nel nascondimento, coll’intento di rovesciare il presente sistema dittatoriale. I nostri leaders di capilia hanno avuto minacce, perquisizioni; alcuni sono stati barbaramente uccisi. Tutto questo crea un’atmosfera di tensione e di paura che incide sulla partecipazione. Stiamo passando un periodo di prova e di persecuzione che fa traballare quell’impianto di chiesa da pochi anni costruito, e che come pianta giovane non è ancora temprata alle burrasche. Io che sono nuovo, ho la sensazione che poco sia stato fatto, in quanto molti si ritirano sotto le minacce, mentre il mio parroco sostiene che prima si toccava con mano quanto fosse vitale e promettente questo germoglio di chiesa. D’altra parte è comprensibile questo ripiegamento quando sei sotto il mirino di arma fuoco. La vocazione al martirio non si improvvisa e non è di tutti. Si spera che passata la burrasca, si ricominci di nuovo con rinnovato slancio. Ultimamente le incursioni militari si sono calmate. Non so fino a quando. A livello nazionale ci sono segni di scontento e un’urgenza a qualche alternativa al potere. Ormai Marcos ha raggiunto il fondo, portando la nazione ad una crisi totale, sporcandosi le mani con l’assassinio di Aquino e perdendo la credibilità della maggioranza. E’ uscito da pochi giorni il risultato della commissione giudiziaria riguardo al caso Aquino, dando la responsabilità a una cospirazione militare, capeggiata dagli alti ranghi dell’esercito, persone di fiducia di Marcos. Qualche cosa deve pur accadere! A Manila, ogni settimana l’opposizione organizza marce di protesta che riuniscono migliaia di persone di diversi settori (multisectoral) e che sfidano i divieti di assembramento e gli stessi militari lanciati a disperdere tali dimostranti; c’è un clima arroventato che preannuncia qualche cosa che sembra scoppiare. Affido anche alle tue preghiere questo popolo, duramente provato, sperando che si apra uno spiraglio di luce. Si avvicina l’anniversario del mio arrivo nelle Filippine, 11 novembre. Un anno è passato. Eppure mi sembra ieri. E’ presto per fare resoconti però ringrazio il Signore che mi ha portato fino qui, a testimoniare il suo amore e la sua misericordia. Mi sento ancora in una fase di ambientamento però auguro a me stesso di sentirmi sempre più partecipe alla vita di questo popolo e di dare il mio umile contributo…”
Anche la sua destinazione è stata tribolata; subito mandato in Papua Nuova Guinea, la prima missione del Pime, appena riaperta nel 1980, dove avvenne il 1° martirio per il Pime, quello del Beato Mazzucconi, Tullio non può partire per problemi di visto, e dopo 2 anni di permanenza in Italia, con una parentesi negli Stati Uniti, come animatore missionario, viene destinato alle Filippine, isola di Mindanao. Vi arriva l’11 novembre 1983. Vi muore l’11 aprile 1985, ucciso, dopo appena un anno e mezzo. Perché?
Perché proprio lui, appena arrivato, quando invece altri erano più esposti alle vicende sociali e politiche del tempo?
Quando nella lettera scriveva: “… Qualche cosa deve pur accadere! … C’è un clima arroventato che preannuncia qualche cosa che sembra scoppiare…”, e ancora :” La vocazione al martirio non si improvvisa e non è di tutti”, sembra che avesse dei presentimenti, anche se non sapeva quello che di lì a poco sarebbe capitato. Ma era pronto: ” … auguro a me stesso di sentirmi sempre più partecipe alla vita di questo popolo e di dare il mio umile contributo”. Adesso possiamo capire il senso di quella morte.
Se la sua storia vocazionale segna quasi cronologicamente la storia del cambiamento nella vita della chiesa e dei sacerdoti in Italia dal Vaticano II ad oggi, la sua fine nelle Filippine rappresenta il passaggio da una situazione di oppressione a quella della libertà di un popolo intero.
Infatti possiamo considerare come la sua uccisione, così negativa, in realtà sia stata un’azione molto forte e feconda dello Spirito del Signore Risorto che con essa ha cambiato il corso della storia del popolo filippino.
In nome di p. Tullio, ucciso ingiustamente e innocentemente, la coscienza di un popolo si è risvegliata al punto da trovare il coraggio di andare contro i carri armati dell’esercito filippino, tenendo la sua immagine tra le mani o stampata sulle magliette, insieme al rosario, e così ottenere una liberazione dalla dittatura, altrimenti insperata.
Molti filippini sono stati uccisi in quegli anni, ma solo con la morte di p. Tullio si è avviata una reazione popolare che ha cambiato la storia di quella nazione. La data del suo martirio infatti è segnata come la festa di tutti i martiri filippini. A lui sono state intestate scuole, ospedali, vie, piazze e altro ancora.
Davvero è il caso di dire che quel Signore che Tullio aveva cercato con tanta fatica e passione lungo tutta la sua vita, lo aspettava là, all’incrocio della strada del villaggio de LA ESPERANZA, per dargli la vita, quella che non finisce più, e così far rifiorire la speranza per un popolo intero.
Non era andato dove era stato ucciso il Beato Mazzucconi, ma il Signore lo attendeva nelle Filippine, dove avrebbe compiuto la sua ricerca vocazionale con il sì definitivo fino al dono della vita.

don Giuseppe Bergamaschi

30° ANNIVERSARIO: I MIEI RICORDI di p.Giulio Mariani

mariani30° ANNIVERSARIO MARTIRIO P. TULLIO I MIEI RICORDI

Trent’anni fa, dopo 20 anni negli USA dove sono stato ordinato e dopo dieci in Italia (due anni alla Gregoriana e 8 anni come Rettore del Seminario Teologico a Monza) finalmente partivo per le Filippine dove sono arrivato ai primi di febbraio. Come è usanza nella Regione, ho incominciato subito a visitare i vari posti di missione per farmi un’idea più concreta del lavoro e per incontrare i Confratelli che per altro conoscevo già molto bene perchè, per la maggior parte, erano stati miei alunni a Monza. Erano ancora i tempi bui della dittatura di Marcos e, viaggiando, si respirava ancora tanta paura sia per la presenza di militari armati un pò ovunque e posti di blocco su tutte le strade. Sono stato anche a Tulunan nella diocesi di Kidapawan che si trova nel cuore di Mindanao, dove la militarizzazione era ancora più pesante per la presenza dei ribelli sia Mussulmani che Comunisti (NPA/ New People Army). C’era una vera oppressione dei più poveri spesso sospettati, angariati e anche uccisi come simpatizzanti NPA. Ecco la situazione della diocesi di Kidapawan in una lettera che p.Tullio invia ai suoi familiari poco più di un mese dopo il suo arrivo nelle Filippine: Tutti qui sono preocupati della situazione attuale, segnata da crisi economica, forte tensione politica fra opposizione e classe politica la potere, malcontento generale per il sistema dittatoriale, paura diffusa nella gente comune, dovuta alle ispezioni militari a domicilio, con conseguenti arresti di persone sospettate di appartenere ai ribelli o di pateggiare per essi; imprigionamenti, deportazioni e frequenti casi di uccisioni dopo l’arresto, senza previo processo; incolumità dei militari giustizieri che compiono soprusi con la protezione governativa, a dispetto della legge civilee dei più elementari diritti umani. I missionari, non solo i nostri, difendevano i più poveri ed erano la voce di chi non aveva voce e di quanti soffrivano sotto la Martial Law/ la militarizzazione imposta dal dittatore Marcos. Erano tutti tacciati di essere ‘comunisti’.

Era corsa voce che il presidente Marcos era molto infastido dall’opera dei missionari, opera che era una chiara condanna della militarizzazione, tanto da inviare una lettera ai suoi Generali a Mindanao: Date una lezione a questi missionari uccidendo un prete o una Suora. E così è avvenuto. P. Tullio, dopo avere studiato la lingua locale (Ilongo), da pochi mesi era stato nominato parroco di Tulunan mentre p. Pietro Geremia, veterano delle Filippine, era il suo assistente. Entrambi erano dei carissimi amici…avevo lavorato con p. Geremia per diversi anni negli Stati Uniti…p. Tullio era stato mio alunno a Monza. Come si sa Tullio, dopo essere stato nel seminario di Mantova fino alla vigilia dell’Ordinazione, era uscito per verificare la sua vocazione. Erano gli anni della contestazione nella Chiesa e molti preti e Religiosi incominciavano a lasciare il sacerdozio. Ha trovato un lavoro, si è fatto la fidanzata, ha cercato di distrarsi in tutti modi, ma il Signore lo voleva prete e prete missionario. Infatti, chiede di entrare nel PIME che aveva conosciuto attraverso ‘Mondo e Missione’. Dopo un breve periodo di discernimento nella nostra Casa di Busto, l’ho accolto al Seminario Teologico a Monza dove accetta di buon grado (aveva 32 anni!) di rifare lo studio della Teologia perchè potesse cogliere le novità che il Concilio aveva portato. Erano i tempi in cui in comunità c’erano tensioni tra Focolarini, membri di Comunione e Liberazione, Neocatecumenali e quelli che non erano di nessun movimento…Tullio era era l’uomo della pace che con la sua naturale bontà, la sua maturità e saggezza era amico di tutti. Tra me e lui c’ è stata una particolare vicinanza al punto che mi ha chiesto di predicare alla sua prima Messa e così ho conosciuto ancora più da vicino la mamma Elide e la sorella Licia. Destinato alla Papua Guinea, partì subito per gli Stati Uniti per lo studio dell’Inglese. Il Visto, tuttavia, tardava ad arrivare e allora è rientrato in Italia dove gli fu chiesto di risiedere a Sotto il Monte per l’animazione. Passava a salutarmi quasi ogni settimana. Si sedeva nel mio studio e mi partecipava la sua crescente insofferenza perchè il tempo passava e il Visto non arrivava. Gli ho suggerito di chiedere ai Superiori di essere trasferito alle Filippine dove era più facile ottenere il Visto. E così ha fatto; i Superiori l’hanno accontentato. Ci siamo salutati con un ‘arrivederci presto’ perchè ormai anch’io ero alla fine del mio mandato come Rettore del primo Triennio Teologico e desideravo partire per le Filippine! Gli ho perfino suggerito, una volta arrivato nelle Filippine, di farsi destinare con p. Geremia che già allora era molto attivo e stava dando filo da torcere ai militari perchè difendeva i più poveri tra i poveri. Era sospettato di essere simpatizzante degli NPA. E così è avvenuto.

Senza saperlo, l’ho mandato al suo martirio. Nel marzo 1985, coninuando il mio giro come dicevo sopra, arrivo a Tulunan nella diocesi di Kidapawan. Mi intrattengo con lui e p. Geremia per una settimana. E qui mi succede una cosa molto strana. Tullio mi invita a vedere la sua camera, per altro molto spartana, e mi mostra diverse cose. Mi mostra dove teneva un regalo per sua mamma per la sua prossima vacanza, dove teneva i soldi, i suoi documenti e altre cosette. Un mese dopo ero là nella stessa camera per fare la valigia da inviare con i ricordi alla famiglia. Sapevo dove mettere le mani, ma c’era ben poco da mandare a casa. Ha sempre vissuto molto poveramente cercando sempre l’essenziale sia nelle parole che nelle cose. Un mese dopo, l’11 aprile trent’anni fa, nel tardi pomeriggio, p. Tullio veniva ucciso da una banda di paramilitari che sono Cristiani fanatici, la banda dei fratelli Manero, una banda notoria in tutta la regione per la sua crudeltà specialmente verso i Mussulmani. La banda dei fanatici si trova al Crossing 125 nel Barrio La Esperanza, nelle vicinanze di Tulunan, dove sono arrivati il mattino con un grande cartello con scritto diversi nomi. I nomi sono di P. Peter Geremia e di alcuni leaders della parrocchia che sono tutti condannati a morte perchè ‘comunisti’. Rientrato in casa parrocchiale da una festa di Battesimo in uno dei tanti villaggi che sono la Parrocchia di Tulunan, p. Tullio trova un biglietto, per altro indirizzato a p. Geremia. Uno dei leaders il cui nome appariva sul cartellone è già stato ferito dai Manero e chiede aiuto. P. Geremia non è ancora tornato dai monti dove si era recato per una festa patronale, e allora p. Tullio prende la sua moto e parte per vedere se può essere di aiuto. Entra in casa del parrocchiano ferito per nulla intimorito dalle urla e dagli insulti dei fanatici. Poco dopo, guardando fuori dalla finestra, vede che stanno dando fuoco alla sua moto e quindi esce per chiedere spiegazioni; le sue mani sono alzate in segno di dialogo. Per tutta risposta uno dei Manero, Edilberto, che era alle sue spalle gli spara spappolandogli la testa e il cervello. Il povero Tullio cade riverso a terra e quando p. Geremia lo raccoglie qualche ora dopo in una pozza di sangue, le sue braccia sono incrociate sul petto in segno di pace e di dialogo.

Intanto, io avevo continuato il mio giro nei vari posti di missione e nel pomeriggio del 12 aprile sono rientrato alla Casa Regionale a Zamboanga City. Trovo P. Sebastiano D’Ambra che, tutto sconvolto, mi dice che Tullio è stato ucciso. Resto senza parole e poi vorrei sapere di più, ma le notizie sono molto scarne…a quel tempo le comunicazioni con le zone rurali interne erano pressochè inesistenti. P. D’Ambra sta per partire in aereo per Davao per poi recarsi a Kidapawan e mi informa che ha già fatto il biglietto anche per me perchè, il mattino dopo, andassi a Manila per tenere il contatto con i media. Infatti, giornali, notiziari TV e radio, specialmente quelli controllati dal governo, stavano facendo una campagna di denigrazione pubblicando grossolane falsità tanto per screditare il nostro Confratello. Tullio veniva presentato come un simpatizzante degli NPA, quindi comunista. I dispacci del governo sostenevano che Tullio era stato eliminato dagli stessi NPA per un suo presunto sgarbo. Sono stato a Manila, ospite dei Padri Clarettiani, per una settimana passando il mio tempo rilasciando interviste ai media. Ogni giorno ero in contatto con p. D’Ambra per telefono tramite una linea speciale che il governo aveva messo a disposizione dell’allora Vescovo di Kidapawan, Mons. Orlando Quevedo, neo Cardinale di Cotabato City. Mio compito era anche quello di incontrare il Cardinale di Manila, Mons. Sin, e il Nunzio Apostolico, Mons. Bruno Torpigliani per ragguagliarli sulla verità dei fatti. Entrambi non sapevano cosa pensare nella confusione delle contrastanti notizie che uscivano dai Media. Per entrambi, i Padri del PIME , per via dei trascorsi di Tondo con le varie espulsioni di alcuni nostri missionari, erano sotto sospetto. Mi ricordo che il Cardinale, dopo avermi ascoltato e accolto la verità dei fatti, prima di congedarmi, mi disse: You people are always in trouble! (Voi gente siete sempre nei pasticci!). Ho risposto: Maybe that’s because we are always on the side of the poor! (Forse perchè siamo sempre dalla parte dei poveri). Il Cardinale ha taciuto e mi ha salutato. Il Cardinale poi accettò di celebrare una Messa solenne di suffragio per p. Tullio nella grande Chiesa dei Clarettiani a Quezon City, alla presenza di una grande folla di preti, Religiosi e Religiose, e tanti laici. La sua omelia, con parole fortissime contro la dittatura e parole di lode per il sacrificio di p. Tullio, ha fatto tremare Marcos. Qualche mese dopo il Cardinale ci ha affidato quella che è ancora oggi la nostra Parrocchia a Paranaque and Las Pinas Cities, Mary Queen of Apostles Parish , nominandomi Parroco. E’ stato più duro ‘convertire’ ai fatti il Nunzio Apostolico. Era molto sul negativo nei nostri confronti ed era più per la linea del governo e non voleva credere alle notizie che gli stavo dando nei dettagli. Avevo con me il numero della linea diretta per parlare con il Vescovo di Kidapawan, ma non sembrava volermi ascoltare. Mi ripeteva che io ero appena arrivato nelle Filipine e non sapevo bene quanto difficile fosse comunicare con le provincie di Mindanao. Gli ho comunicato il numero del Vescovo di Kidapawan pregandolo di provare a chiamare. Con riluttanza chiese alla Suora che fungeva da sua segretaria di fare il numero. Con grande sorpresa del Nunzio, pochi minuti dopo la Suora rientra e dice: Eccellenza, il Vescovo di Kidapawan è in linea! Solo dopo che Mons. Quevedo ha confermato la verità dei fatti, il Nunzio diede la notizia a Roma e così Giovanni Paolo II dichiarava pubblicamente: Il mio commosso ricordo va in questo momento all’indimenticabile figura del giovane missionario del PIME, il p. Tullio Favali, barbaramente trucidato nelle Filippine…mentre svolgeva il suo ministero di riconciliazione e di pacificazione.

Ho partecipato a diverse marce di protesta per chiedere giustizia per p. Tullio, organizzate dall’ Associazione dei Superiori Maggiori dei Religiosi e da altri enti cattolici. Le manifestazioni erano proibite e allora noi si marciava stile processioni, con croce, candelieri, chierichetti, statue di santi mentre noi preti eravamo tutti in veste talare bianca o anche con la maglietta con la foto di p. Tullio, con il suo viso buono e sorridente, per cui non potevano fermarci. C’erano striscioni di ogni genere e in particolare dei cartelloni con la foto di p. Tullio riverso al suolo in una pozza di sangue insieme dei leaders cristiani uccisi durante la dittatura, con la scritta: How many more? (Quanti ancora?). Da Manila sono andato a Kidapawan per partecipare ai funerali. I funerali sono stati un trionfo, quasi una festa di popolo…non avevo mai visto una tale folla. Era una celebrazione della vita, non della morte! La povera gente che viveva nella paura e nel terrore, ha trovato in quella folla immensa che piangeva, cantava e pregava mentre accompagnava la bara, un senso di liberazione. Ai funeralli abbiamo partecipato tutti noi del PIME nelle Filippine insieme al nostro Superiore Generale, p. Fernando Galbiati, venuto appositamente da Roma, con preti e Religiosi venuti da tutte le parti delle Filippine. Nel frattempo avevamo chiesto alla mamma di p. Tullio se consentiva a lasciare la salma del figlio per essere sepolto nelle Filippine. Donna semplice, ma di grande fede, aveva donato il suo Tullio in vita, l’ha donato anche nella morte.

Dopo i funerali il Superiore Generale ci ha radunati per comunicarci che era pronto a farci rientrare in Italia. Come si poteva lasciare la missione proprio in quel momento così importante di stare vicino all nostra gente soprattutto dopo che Tullio riposava con noi in terra Filippina? Siamo rimasti tutti al nostro posto per continuare anche la missione incompiuta di p. Tullio. Il suo martirio, nè voluto nè cercato, perchè Tullio aveva tanta voglia di vivere e lavorare, è stato una vocazione e un dono del Signore che misteriosamente l’ha scelto come suo Testimone/ Martire. Il martirio di p. Tullio ha scatenato una grande reazione a Manila diventando simbolo dell’opposizione alla dittatura di Marcos. E’ stato detto che il sangue dei martiri è il seme di Cristiani; il martirio di Tullio ha portato a una vera fioritura di vocazioni nella sua parrocchia di Tulunan e siamo sicuri che il suo sacrificio per le Filippine ha reso possibile la Edza Revolution, la cosidetta Rivoluzione dei Rosari e dei Fiori che ha fatto cadere la dittatura di Marcos.

Termino questa carrellata di ricordi personali riportando le parole del messaggio di p. Geremia ai partecipanti alla veglia di preghiera e di digiuno che il Centro missionario di Sacchetta di Sustinente (Mantova) ha organizzato lo scorso 10 aprile, vigilia del trentesimo anniversario dell’uccisione nelle Filippine di padre Tullio Favali, missionario del Pime originario di quella comunità. Noi Missionari del PIME nelle Filippine siamo rimasti in pochi, un piccolo gruppo marcato dal martirio. Dopo P. Tullio, P. Salvatore Carzedda fu ucciso a Zamboanga nel 1992. Seguirono i rapimenti di P. Luciano Benedetti e P. Giancarlo Bossi. Poi nel 2011 P. Fausto Tentorio fu ucciso in Arakan… Ora io ho preso il posto del Fausto in Arakan insieme con P. Giovanni Vettoretto, e con tanta gente ci impegniamo per la giustizia e pace come a Tulunan. Tullio ha aperto la strada del martirio. Preghiamo che lui e tanti martiri che ci conoscono continuino a guidarci nel cammino verso la giustizia e pace anche in Arakan e in tutta l’isola di Mindanao. Purtroppo tutta questa grande isola sta affrontando una nuova ondata di terrorismo e violenza che spaventa la gente come un terribile tifone. Si stava concludendo un accordo di pace con il movimento rivoluzionario mussulmano quando d’improvviso sono scoppiati scontri disastrosi. Preghiamo insieme con i martiri perché possiamo ottenere il dono dello spirito di pace, la pace promessa dal Cristo risorto e dalla Madonna della pace…

P. Giulio F. Mariani, PIME Comunità PIME di Sotto il Monte, BG 17 aprile 2015