The war millennials must wage

The most powerful of all impulses for the progress of any society is not the work of old men — politicians, business people, and all those who control our lives — but the ambitions of young persons. A society whose young minds no longer believe in moral ideals is decaying, without hope, and regretful of its past. The exploits of great and learned men and women can only have meaning if they will move or inspire the young, for the foundation of any modern civilization is ultimately the freedom of its citizens to pursue those things that will make human life meaningful.

But our civilization is in great danger. Most young people today are now integrated into the devious schemes created by capitalism. Any millennial out there will find it almost impossible to live without a gadget at hand. Without them fully realizing it, the ill consequence to this is that there is now a price tag to everything, including people’s happiness. The young often easily confuse pleasure for happiness and satisfaction for self-realization.

The political and social upheavals in the 1970s defined how the youth then reasoned out and acted on issues. Social justice meant that for them, the ideals of freedom are without value if human life is not dedicated to the great cause of equality. But modern consumerism hides from young people the idea of class warfare. Our youth do not feel any antagonism to the great divide that characterizes Philippine society and its oligarchic nature.

Education in many of our schools have not provided that sense of reasonableness, given that even the systems school officials impose are oppressive. But the young know the problems that bother the world as a whole. The young, in this regard, are openly exposed at an early age to the reality of a society that disregards the rights of people. Indeed, critical thinking is wanting in so many ways among our  officials.

Most millennials have since lost the meaning of genius and the value of creative work. Our culture is in decline because of the mass media. According to Walter Benjamin, great works of art, all of which exclaim the high point of modern civilization, are peddled for mass consumption through technical reproduction. Such is the lonely end point that results from making everything “instant.”

Today, internet connectivity determines how people engage with one another, but in a very superficial way. Whereas in the past the television set and the couch served as the centers of interaction at home, today the internet dictates people’s relation to one another. Trending is just another term for a mass of young individuals who are too tired to think. For instance, many young people no longer see the value of story-telling. People make themselves busy with so many things, only to realize that the important things are those that we actually take for granted.

People have become the tragic picture of that diminished value of the interpersonal. Face-to-face encounters are demeaned when two people immediately hook themselves onto their gadgets. The modern world of human beings has lost the value of actual presence. The world is now so much poorer because of the young’s tragic loss of that sense of innocence.

Modern times are no longer the story of man being controlled by machines, for even dehumanization has now become an irreverent virtual battle in this modern age.

Young people are exposed to many illusions. Virtual reality is the invention of technical rationality. As a way of doing things, it has essentially made much of our existence absurd. Leovino Ma. Garcia says that by reducing everything, including human relationships, to the instrumental, “we render our whole existence meaningless.” The meaning of human achievement in this regard has become that form of self-absorption that is anchored on material success at the expense of others. This is the threat in our midst against which millennials must wage a war.

* * * Christopher Ryan Maboloc, PhD, teaches philosophy at Ateneo de Davao University.

Philippine Government and the CPP/NPA/NDF

Statement of the CBCP President on the Fifth Round of Peace Talks between the Philippine Government and the CPP/NPA/NDF

It is not without reason that many of our fellow Filipinos do not have high hopes about the peace talks that are entering the 5th Round — after all, we have been through this way before.
But we are in the Easter Season, and the Risen Lord greets us all: “Peace be with you”. Peace is the gift of the Resurrection. Peace calmed the troubled hearts of his despondent apostles. Peace gave them the courage to burst forth from the Upper Room to proclaim the Good News. Peace ignited that charity in their hearts that made them share everything in common. Peace built the community.
Peace can still rebuild our nation! We, your bishops, therefore commend the next round of the Peace Negotiations to the Prince of Peace — since He calms all storms,
silences the shrieking of demons and emboldens those who are discouraged and afraid. Indeed, one of the most common exhortations in all of Scripture was one beloved to Saint John Paul II: “Be not afraid”. This is what we ask of the negotiators on both sides of the table. Do not be afraid to take the bold steps that alone can bring peace. Intransigence is not strength. Humility is. That one has stood one’s ground is not necessarily the best that can be said of anyone. That he has sown the seeds of peace is to say of a person that he is blessed!
While we have a legacy to uphold as a God-fearing, God-loving nation with precious freedoms assured us by human reason and enshrined in international covenants and in the fundamental law of the land, we must, with the same steadfast determination, stand for social justice and for the renewal of an order that has left too many to wither away in the peripheries.
Peace be with you…but for Christ’s peace to pervade over our land, we need men and women of peace. We trust that our negotiators — on both sides — will be anointed by God’s Spirit so that His sons and daughters in this land that has already been drenched by so much blood may at last walk the ways of peace.
From the Catholic Bishops’ Conference of the Philippines, May 24,2017, Mary Help of Christians
+ SOCRATES B. VILLEGAS Archbishop of Lingayen-Dagupan

Marawi2

Il presidente Rodrigo Duterte ha dichiarato che la crisi Marawi è un caso di connivenza di politici e signorotti locali (sembra due ex-sindaci) che hanno permesso al gruppo Maute di ammassare armi e munizioni in Marawi City tanto che il gruppo dopo quasi un mese dall’inizio dall’assalto alla città rimane asserragliato all’interno di questa senza esaurire le munizioni. Non è poi un segreto che molte famiglie a Marawi avevano molte armi nelle loro case, armi che ora i terroristi Maute possono facilmente aggiungere alla loro potenza di fuoco.

Sono almeno 59 le forze governative uccise e 300 quelle ferite. Ufficialmente 26 i civili uccisi dai terroristi. I militari affermano di aver ucciso 225 terroristi uccisi e recuperate 208 fucili mitragliatori. Il conflitto ha provocato lo sfollamento dalla città di 332.582 persone (68.109 famiglie). Secondo i militari il gruppo Maute era da molto tempo infiltrato dall’ISIS e ora rimarrebbe a Marawi solo per uccidere, distruggere, bruciare, saccheggiare senza alcuna ragione.

OFM reliesf operations

LANAO del Norte – In an effort to reach as many evacuees who fled the besieged city of Marawi, the team of Br. Dennis Tayo OFM conducted several relief operations and medical missions from May 28 up to June 13 seemingly undisturbed by the Armed Forces of the Philippines’ ongoing surgical airstrikes in the city. According to Tayo who is a licensed medical doctor, they have served 2,078 families through relief operations and served 1,648 patients in medical missions. This also includes relief efforts done at the Al-Qayriya Madrasah Evacuation Center.

Ground-shaking Tayo, who is the Secretary for Missions and Evangelization of the Franciscans in the Visayas and Mindanao, and the other Franciscans plan to continue their efforts unmindful of bombings in the area led by at least three government OV-10 bombers, which he said, “cause the ground to shake.” He and his group also served not just evacuees but also locals who have decided to remain in their homes, some 7 kilometers from Marawi. “The [Franciscan] community is also planning to have a ‘soup kitchen’ kind of service,” said Tayo who will coordinate this with some local Muslim residents of Balo-i who are also hosting a number of evacuees in their homes.

Healthcare for the marginalized In Tayo’s team are Dr. Joel de Jesus, a Capuchin Franciscan, and Dr. Roel Cagape, a lay, who is a Bayaning Pilipino awardee for his service in hinterlands of Sarangani province. Tayo chairs the Franciscan Health Care Crossing Borders, Inc., a health care ministry comprising volunteers from the different Franciscan Orders and congregations together with lay volunteers who live the Franciscan spirit. They aim to provide holistic health care for the marginalized, particularly the indigenous people of the country. CBCPNews

Marawi Bishop

Marawi Bishop Edwin dela Peña expressed hope that the ongoing fighting in the city will soon end. “We hope the chaos, the war will soon be over and we can all return to our normal and peaceful life,” said dela Peña told Church-run Radio Veritas on Tuesday. The prelate is hoping the government can bring back peace soon as people have longed to go back and live a normal life. However, thousands of displaced families won’t be able to go back to the city until the peace and order situation becomes stable with the hope that they can rebuild the city in the coming months. “We hope we can already be free from this violence and fear of terrorists,” he said. For his part, Caritas Philippines chairman Archbishop Rolando Tria Tirona called on the public to keep sending aid to the evacuees. “Let us all work together and put our minds, emotions, and assistance together for our countrymen in need,” said Tirona.

The social action arm of the Catholic Church has earlier issued a solidarity appeal for the families adversely affected by the clashes. CBCPNews

Marawi

Sforzi per liberare circa 2000 civili intrappolati in Marawi dopo l’assalto dei militanti islamici, due settimane fa, si sono interrotti oggi domenica dopo la ripresa degli scontri armati. Era stato raggiunto un cessate il fuoco di 4 ore. Tra ieri e oggi circa 370 persone sono riuscite ad uscire dalla zona controllata dai militanti. Per ora il numero dei morti è di 178 tra i quali 120 militanti, 38 soldati governativi e 20 civili,

Attacco a Marawi – Marawi under attack

All’inizio del Ramadan e dopo 10 giorni continua lo scontro armato tra le truppe del governo filippino e circa 500 militanti islamici AbuSayyaf, Maute (uno dei tanti gruppi che si definiscono affiliati all’Isis) tra questi si suppone anche stranieri da Indonesia e Malesia, da martedì nella città meridionale di Marawi nell’isola di Mindanao. l’Agenzia Isis Amaq, aveva dichiarato martedì che “combattenti dello Stato islamico hanno lanciato un’offensiva su larga scala alle posizioni delle truppe filippine nella città di Marawi”. Lo scoppio della violenza ha spinto il presidente Duterte a dichiarare la legge marziale per 60 giorni in tutta la città di Marawi e in Mindanao, di cui Marawi è parte. Marawi è una città di circa 200.000 abitanti situata nella parte nord dell’isola di Mindanao. I militanti hanno attaccato diversi edifici governativi in ​​città e messo a fuoco altri, tra cui una chiesa, una scuola e la prigione cittadina.  Attacchi simili erano già avvenuti negli ultimi anni nella città di Ipil (1994) e in quella di Zamboanga City (2013) con centinaia di vittime. Non si comprende come mai i militanti abbiano attaccato una città a stragrande maggioranza musulmana e senza presenze sciite. Molto probabilmente una dimostrazione di forza o un atto disperato tenendo conto che da diversi anni i soldati governativi si scontrano con questo gruppo di militanti, distruggendo i loro campi di addestramento. Sembra poi che una escursione militare nel nascondiglio di un predicatore islamico arabo sia la vera causa di questi scontri scoppiati in Marawi.  Hapilon, predicatore islamico, comandante del gruppo militante di Abu Sayyaf ha promesso fedeltà al gruppo di stato islamico nel 2014. Comanda inoltre un’alleanza di almeno dieci gruppi militanti minori, tra cui il Maute. Washington ha offerto un premio di 5 milioni di dollari per informazioni che portano alla cattura di Hapilon.

A parte Marawi le altre città abitate in maggioranza da musulmani, (circa i 20% dell’intera popolazione di 20 milioni di abitanti dell’isola), si trovano nella parte occidentale di Mindanao. Sono cinque ostaggi nelle mani dei militanti di cui non si conosce ancora la sorte: padre Chito Suganob parroco  della chiesa di S. Maria, la professoressa Maria Luisa Colina e altri tre identificati solo come Sam, Wendell e Wilbert. Per ora le vittime sono 89 militanti e 31 soldati governativi. Quelle civili sarebbero 19. Molti i cittadini di Marawi che hanno lasciato la città. La notizia riguardante un capo di polizia decapitato dai ribelli si è poi rivelata infondata.

A Mindanao ci sono 5 Arcidiocesi, 14 Diocesi, un Vicariato e una Prelatura e i vescovi hanno condannato gli atti terroristici che hanno causato la perdita di vite innocenti, la distruzione di case e edifici pubblici, tra cui un dormitorio protestante e una chiesacattolica a Marawi City. Hanno altresì condannato il rapimento degli insegnanti e del personale della chiesa, tra cui p. Teresito Suganob che in un video ha chiesto di fermare l’intervento dell’esercito. Invitano a pregare per la loro sicurezza e liberazione.

———————————————————————————————–

Deadly clashes erupted between Filipino government troops and Islamist militants Tuesday at about 2 pm in the southern city of Marawi. ISIS’ media wing, Amaq Agency, put out a statement announcing that “fighters of the Islamic State launch a wide-scale offensive on positions of Philippine troops in the city of Marawi.” The outbreak of violence has prompted Duterte to declare martial law throughout both the city of Marawi and the wider island of Mindanao, of which Marawi is a part. Clashes between government forces and the Maute group, happened in Marawi, a city of about 200,000 people. The militants had taken over several government buildings in the city, and had torched others, including a church, a school and the city jail. It was not clear from his statement how damaged the buildings were by the arson. Similar attacks happened in recent years in the town of Ipil (1994) and in the city of Zamboanga City (2013) with hundreds of victims.

A separate report from the ARMM Heart (Humanitarian Emergency Action and Response Team) disclosed that there are five hostages in the hands of the militants: Fr. Chito Suganob of St. Mary’s Church, Prof. Maria Luisa Colina and three others identified only as Sam, Wendell and Wilbert.

Felici Periferie

Zamboanga 20 maggio 2017

Come sapete il prossimo anno celebreremo il 50mo di presenza PIME nelle Filippine e cosí mi sono riletto il capitolo 25 del Levitico dove si dice che dopo 49 anni si deve restituire, perdonare e dimenticare. Certamente il bello che abbiamo sperimentato deve restare nel cuore, come pure gli incontri e le persone, ma come comunitá regionale sarebbe bello se anche noi dimenticassimo uo po’ il passato negativo, con le mancanze subite o commesse (consciamente o inconsciamente) e restituissimo alla regione in disponibilita’ e spirito di servizio il bene che abbiamo ricevuto da quando siamo arrivati in questo paese. Sara’ un modo anche questo per gustare la pace del Signore. Papa Francesco direbbe che ci fará bene senz’altro.

E un richiamo a un ritornello che sempre ritorna nelle riflessioni di papa Francesco: l’invito ad andare nelle “periferie”. Non ci sono ricette o modelli fissi, ma credo che individualmente e come comunitá regionale potremmo pensare a qualcosa in questo senso. In quali periferie del mio posto di lavoro il Signore mi chiamerebbe oggi? E come PIME Filippine? Come consiglio regionale ci stiamo pensando…

Concludo con due riferimenti al papa. Lo scorso 2 maggio ha rivolto questa parola ai superiori dei salesiani: «Scegliete bene chi inviare nelle periferie, soprattutto quelle più pericolose. I migliori devono andare lì! – Ma questo potrebbe studiare, fare un dottorato…. – No, manda questo -. Ma lì c’è la mafia?. – Manda lui.

Nelle periferie bisogna mandare i migliori.

Nell’omelia del 18 maggio poi il papa ha raccontato :”L’amore e la gioia sono un dono. Sono regali che vanno chiesti a Dio. Poco tempo fa un sacerdote è stato nominato vescovo. È andato dal suo papà, dal suo anziano papà a dargli la notizia. Quest’uomo anziano, già in pensione, uomo umile, un operaio tutta la vita, non era andato all’università, ma aveva la saggezza della vita. Ha consigliato al figlio due cose soltanto: “Obbedisci e dà gioia alla gente”. Quest’uomo aveva capito questo: obbedisci all’amore del Padre, senza altri amori, obbedisci a questo dono e poi, dà gioia alla gente. – E noi, cristiani, laici, sacerdoti, consacrati, vescovi, dobbiamo dare gioia alla gente. Ma perché? Per questo, per la via dell’amore, senza alcun interesse, soltanto per la via dell’amore.

La nostra missione cristiana è dare gioia alla gente».

Fernando

Padre Salvatore Carzedda

di Natalino Piras

Sera del 20 maggio 1992. Zamboanga,  nelle Filippine.  Padre Salvatore Carzedda, bittese, figlio di Antoneddu  e di Antonia Cossellu, torna a casa dopo una giornata di lavoro. È missionario del dialogo:  “Pregare assieme e collaborare” tra cristiani e musulmani. Testimone del proprio operare, Battore Carzedda avvertiva una costante esigenza di “riconciliazione e pace nel tempo della globalizzazione che rende sempre più insopportabili, assurdi, la guerra, la violenza, il terrorismo, le divisioni ideologiche ed economiche che separano i popoli” (Piero Gheddo). Tanto il pericolo, molteplici le insidie. Quella sera, l’auto guidata da Battore si schianta contro un palo della luce. Non poteva essere più governata. Battore era già morto, ucciso  a colpi di pistola sparatigli  da motociclisti che si erano accostati, integralisti islamici. Battore Carzedda aveva 48 anni. Lo riportarono a Bitti a un mese esatto dalla morte, chiuso dentro una bara con il coperchio di vetro, vestito dei paramenti sacerdotali, il rosso del martirio. I funerali furono una cosa solenne, di immensa folla. La madre,  tzia Tonnedda ‘e Broccale in accezione bittese, lo pianse con gli attitos. “Dae sa terra antzena/M’ar ghiratu, Battore,/De gloria una parma./Dae sa terra antzena/Dolore e pena manna/M’ar ghiratu Battore/Pena manna e dolore/De gloria una parma/Dolore e pena manna“. Dolore e grande pena riportati da una terra straniera. La gloria e la palma del martirio si intrecciano nel canto.  Cosa può la gloria di fronte al dolore di una madre? Eppure s’attitu di Antonia Cossellu contiene un grande lascito.”E a sas Filippinas” è la seconda e ultima stofa, “Precabi pake e calma/E sar Filippinas/Annabi ke a prima/Precabi pake e calma/Ke a prima bi anna“. Prega pace e calma per la  Filippine. Va’, torna nuovamente alla tua missione. Come prima, come sempre.

Battore Carzedda fu ordinato prete nel 1971 e alla prima messa bittese,  sa sacra, il 16 luglio del 1971 va da sé che partecipò l’intero paese. Quando nel 1977 partì la prima volta per le Filippine anche allora la madre inventò versi augurali. “Battore, izzeddhu meu/ non b’idas prus tormentu/ Issu locu ki sese“, che tu non debba patire oltremodo tormenti nel luogo in cui ti trovi”.

Ha scritto  Piero Gheddo, direttore dell’ufficio storico del Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere) nella prefazione al libro Testimone del dialogo, pubblicato nel 2002 dalla Emi di Bologna: “Di padre Salvatore Carzedda ho un solo ricordo, luminoso, gioioso”. Il libro è un’opera interamente dedicata a Battore. L’introduzione è di padre Sebastiano D’Ambra, confratello e amico del missionario bittese, fondatore nel 1984, a Zamboanga,  del gruppo “Silsilah”, parola araba che significa “catena”, per il dialogo tra cristiani e musulmani. Seguono nel libro “un’affettuosa biografia di Lucia Carzedda”, sorella di Battore, e poi l’epistolario e il lascito spirituale di una persona  che, sostiene Gheddo,  “non è martire per caso”.  Nonostante la “totale consapevolezza dei pericoli cui andava incontro”, padre Carzedda “decise con tutto se stesso di portare avanti il dialogo, causa del suo assassinio”. Il libro può essere considerato come una interpretazione e insieme un rovescio  della tradizione de s’attitu. Il richiamo all’esperienza missionaria di Battore nelle Filippine, tragicamente interrotta, non è fatto per invocare  vendetta, la “lunga catena” della tradizione barbaricina. Al contrario, come nella lamentazione funebre della madre Antonia Cossellu, c’è l’incitamento a che altri continuino a mandare avanti l’opera del figlio. Che fu ragazzo e giovane di grande ingenuità, ricorda Gheddo,  di fascino, di sorriso e di “rapido brillare negli occhi”, ma anche missionario a tutti gli effetti: animatore e organizzatore. Conosceva bene dove e come intervenire, con chi stabilire dialogo. Era nelle Filippine dal 1977. Nel 1986 fu mandato dal Pime a Chicago per compiti formativi. “Ma intanto”, ancora Gheddo, “studia al Catholic Theological Center Union. La sua tesi di laurea, in inglese, è Il Gesù del Corano alla luce del Vangelo. Alla ricerca di una via di dialogo. Nel 1990 ritorna nelle Filippine. Quotidianamente si batté per un impegno. Padre Salvatore Carzedda resta una figura carismatica. Era impegnato sul fronte del dialogo interreligioso:  far parlare e far vivere  insieme cristianesimo e islam, la moschea e la chiesa nello stesso luogo. C’è una fotografia che ritrae Battore e il suo confratello padre Sebastiano D’Ambra con l’allora presidente delle Filippine Cory Aquino, il giorno che al movimento “Silsilah” venne consegnato il premio per la pace,  il 24 settembre del 1990. Battore era un uomo pieno di entusiasmo, un organizzatore. Credeva in quello che faceva. “Aveva l’orgoglio dei sardi e l’umiltà dei santi” ha scritto padre D’Ambra. A Zamboanga, prima che la salma venisse imbarcata per la Sardegna, Battore fu onorato anche dai musulmani, quelli  nella sua stessa idea di pace