Rumors Distort History

From “Looking Back 1” by Ambeth R.Ocampo (pages 23-25)

Are gossip and rumor ever constructive? During the Revolution of 1896, Andres Bonifacio used rumor mill to “neutralize” the enemies of the Katipunan.

According to Jose Rizal, who was consulted by Bonifacio’s emissary, Pio Valenzuela, it was important for the Katipunan to enlist the support of the rich Filipinos because without money, the Katipunan and the revolution would fail.

Rizal stressed that rich Filipinos had the most to lose in a revolution, so they would do everything they could to keep the status quo: “These Filipinos will be your worst enemies if you commit the imprudence of attacking the Spaniards without the necessary preparation. When they see you without arms, they will go over to the Spanish side to persecute you, and being Filipinos, and rich ones at that, they will win your soldier over with their money .. See to it that these persons are neutral. At the very last, they must non-be in a position to help neither the Spaniards nor the Filipinos.”

Watching movies on organized crime, we have acquired a different idea of the order “Neutralize them!” I guess Rizal meant the same thing. But when Valenzuela asked exactly what he meant, he answered: “The means are born of circumstances and events.”

When Valenzuela returned to Manila in July 1896, he briefed Bonifacio on Rizal’s views and they picked Benedicto Mijaga, a katipunero, to talk to millionaire Francisco Roxas into funding the Katipunan. Just as Rizal predicted, the rich refused to compromise their comfortable lives. To make matter worst, Roxas even threatened to denounce the Katipunan, saying he would not support a revolt against Spain led by a few disgruntled Filipinos.

Disappointed with his unpatriotic attitude Bonifacio decided to implicate the rich with the movement so that once arrested and perhaps tortured, they would hate the Spaniards enough to help the Katipunan. This was a way of “neutralizing” these men, short of killing them, right?

Emilio Jacinto prepared the list of uncooperative Filipinos, had their movements monitored and their signatures forged on Katipunan papers, which stated that they were not only Katipunan sympathizers but also heavy contributors to the Katipunan fund!

Bonifacio and Valenzuela started leaving these incriminating “subversive” documents in Katipunan hideouts and safehouses, so the slightest search by the Spanish authorities would lead to their discovery. A wave of arrests followed, but the implicated men simply denied their involvement with the Katipunan. Unfortunately, the Spanish didn’t believe them and even used this as a way of extorting money from the rich “suspects”.

Francisco Roxas was executed while others were tortured. Fort Santiago was filled with hundreds of suspected Katipunan sympathizers, others were exiled to the Caroline or Marianas Islands and some, like Luis Yangco, slipped out of the Philippines after bribing Spanish officials.

What is difficult for historians today is how to tell the real sympathizers of the Katipunan from those Bonifacio merely implicated. Worse, Pio Valenzuela is one of the most unreliable primary sources on the revolution, giving conflicting versions of the same story, further complicating our history.

Advertisements

Km 125

11 aprile, ore sei del mattino si parte per La Speranza, Tulunan km 125, naturalmente con Peter (Geremia) che mai ha perso questa occasione, sfidando pioggia e sole, intimidazioni e più tardi disinteresse, per esserci. La messa sarà celebrata alle sette poi si collocherà una targa con i nomi di altri 14 ‘martiri’ di Tulunan nel luogo dove già sorge un capitello in memoria di padre Tullio Favali.

“La meta da raggiungere è il viaggio” così dicevano, ci par di capire, (il pensiero ci viene mentre viaggiamo sulla strada larga e cementata tra Kidapawan a Tulunan un tempo sassi, fango e polvere) …. i missionari primi apparsi in questi luoghi. Oggi lo dicono i pellegrini in cammino verso il santuario di Lampagang a pochi chilometri da La Speranza. Questa prima certezza era senz’altro nel cuore di Tullio , 33 anni fa, quando in motocicletta (che, così-come-è, viene ora esposta al nuovo e moderno Museo di Kidapawan in apertura tra sette giorni) viaggiava spedito verso quel fatale crocevia 125. La seconda stava nella sua fede. Lo aiutò a non fermare il mezzo meccanico di fronte all’ancora incompleta conoscenza, lui neofita piombato in un mondo indecifrabile e in perenne conflitto. Del resto, come tanti di noi, anzi meglio di noi, era partito dall’Italia con l’idea di spendere la vita per gli altri, indipendentemente se fossero stati buoni o cattivi. Insomma, un modo di vivere cristiano a volte snobbato se non detestato da alcuni. Nondimeno, da rispettare. Purtroppo, coloro che si auto dichiararono suoi avversari manco un attimo ci pensarono, al rispetto.

Km 125 raggiunto da Tullio da protagonista. Una corsa  veloce la sua perché –‘alleggerita’ dalla rinuncia di una vita confortevole, una famiglia, un lavoro salariato, ma anche agevolata dalle distanze prese verso una società inquinata nei costumi da una economia di mercato andata a male (e speriamo in via d’estinzione). Per qualche attimo, come lui al chilometro 125, ci siamo immaginati protagonisti tra ‘Terra e Cielo’ (per parafrasare il testo di Roberto Cavosi sul dramma di Tullio messo in scena al San Babila nell’ormai lontano 2000). A volte spinti nei bassifondi del quotidiano dai malandati altre volte attratti dalle altezze raggiunte dai giusti (santi e martiri quest’ultimi). Non certo per diventare uomini super. Semmai impacciati e fuggevoli viaggiatori nel tempo.

Prima di ripartire scambi di impressioni con i partecipanti; un centinaio scarso. Tra loro anziane signore, in maggioranza vedove, ci chiedono di mandare i loro saluti ai padri del Pime ancora viventi, Luciano G., Sandro B., Michel(e), Seb(astiano), G(i)ulio ….  che qui facciamo.


 

April 11th, 6 a.m. we leave for Crossing 125, La Speranza, Tulunan, of course with fr.Peter (Geremia) who has never lost this opportunity, defying rain and sun, intimidations and later disinterest, to be there. The Mass will be celebrated at seven o’clock and then a plaque with the names of 14 other martyrs of Tulunan will be placed where a little wayside shrine has been erected in the memory of Father Tullio Favali.

“The goal to reach is the journey” it has been said, we seem to understand, (the thought comes to us in our mind while we were travelling on the wide and cemented road between Kidapawan and Tulunan once pebbles, mud and dust) …. by the first missionaries appeared in these places. Today only the pilgrims say the same while they are on their way to the sanctuary of Lampagang a few kilometers from La Speranza. This first belief was undoubtedly in the heart of Tullio, 33 years ago, when on a motorcycle (which, as it is, is now exposed in the new and modern Provincial Museum of Kidapawan, the inaugural opening next April 19th, 2018), he went to that fateful crossroads 125. The second was in his faith which helped him not to stop the engine of the motorbike fearing of not knowing the situation well; he was, after all, a neophyte plunged into an indecipherable world that was in constant conflict, if he wanted, he could very well have pulled back, but he did not. Like many of us, even better than us, he had left Italy with the idea of offering his life for others, regardless of whether they were good or bad. In short, a christian way of life sometimes snubbed if not detested by some. Nevertheless, to be respected. Unfortunately, those who declared themselves his adversaries never tried to respect him.

In any case Km 125 was reached by Tullio as a protagonist. It was a fast race because ‘lightened’ by the renunciation of a comfortable life, a family, a salaried job, but also facilitated by the distances taken towards a society that polluted costumes by means of a bad market economy (we pray for its early extinction). For a few moments, like Tullio at kilometer 125, we imagined ourselves as protagonists between ‘Earth and Heaven’ (to paraphrase the text of Roberto Cavosi on the drama of Tullio staged at San Babila Theatre, Milan, in the now distant year 2000). Somehow we felt we were pushed by the human shabbiness into the ghostly slums of today, and in an other way attracted, instead, by the heights reached by the righteous (saints and martyrs). Certainly not in order to become super men, but, if anything, awkward and fleeting time travelers.

Before leaving we shared exchanges of impressions with the participants; more or less a hundred. Among them parents of victims, old ladies, mostly widows. They asked us to send their greetings to the still living PIME fathers, Luciano Ghezzi, Sandro Bauducci, Michel Carlone, Sebastiano D’Ambra, Giulio Mariani …. and that here we do.

 

Ace dal Brasile

Lunedi dell’Angelo

Carissimi amici del rifugio.

Spero stiate bene! Mi prendo un attimo di pausa dal mio “português” per scrivervi “alcune righe” in Italiano. Il tempo vola ed è già passato più di un mese da quando sono partito dall’Italia e che mi trovo qui in Brasile, ma ancora porto con me tanti bei ricordi. Il mio arrivo in questo paese ha inaugurato l’inizio della missione a cui Il Signore mi ha inviato. Sono stato accolto bene da una parte dei nostri confratelli missionari del PIME presenti a São Paulo. Per ora si procede abbastanza bene; nuove conoscenze, nuove esperienze e nuove amicizie. Insomma, ci sono molte cose da imparare e da conoscere!

Per i prossimi 3 mesi sarò qui al Centro Culturale Missionario nella capitale del Brasile; Brasília. Già da 3 settimane abbiamo iniziato il corso di portoghese e di conoscenza della cultura brasiliana. Semplicemente vi dico che il portoghese del Brasile (I brasiliani ci tengono a precisare questo dettaglio “português do Brasil” ) pur essendo vicino all’italiano è molto diverso. La lingua è molto ben diversa non solo per la pronuncia ma, soprattutto, per la modalità di costruzione della frase, che, indirettamente esprime la mentalità di questo popolo. Una lingua nuova davvero rimane nuova! Rimane quella stessa fatica di non capire, di non poter parlare e di potersi esprimersi con parole esatte. Umilmente si ritorna ad essere studenti, un passaggio che tutti noi missionari dobbiamo attraversare.

Ma la cosa più bella pur nella fatica è che qui al centro si respira veramente l’aria missionaria e dell’amicizia che sta iniziando a crescere tra di noi! Qui, Siamo bei 26 missionari e missionarie provenienti da 14 nazioni diverse (Padri, suore e seminaristi). Il clima è molto familiare e questo è davvero molto bello! Credo che la missione quando è vissuta nell’amicizia sia una testimonianza credibile di quella gioia vera che viene dal Signore. Quando avremo finito il corso saremo sparpagliati in questo immenso paese andando ognuno nella propria destinazione di missione.

Durante il Triduo Pasquale, partecipavamo nelle celebrazioni nella parrocchia vicina al centro missionario. Mentre alla vigilia del Sabato santo, sono andato con il direttore del centro missionario e alcuni dei miei compagni missionari da una cappella in una periferia della città.

Scusate se vi ho scritto troppo, ho cercato di essere breve ma raccontare più di 30 giorni di nuove conoscenze, esperienze e amicizie in una lettera non è facile. Sì, sono già passati più di 30 giorni, appena più di 30 di quei tanti giorni meravigliosi e faticosi che Il Signore mi regalerà in questa terra brasiliana!

Vi chiedo semplicemente di ricordarmi e i nostri missionari qui nelle vostre preghiere e anch’io farò ugualmente. Che Il Signore risorto riempia la nostra vita di quella gioia senza fine che ci spinge verso la missione ovunque siamo.

Muito obrigado por tudo!

Un abbraccio forte e Buona Pasqua!

Ace

Salubong

Cast out into the deep: missionary reflections (2003 – 2010)

Fr. Sergio Fossati, PIME

After the quite impressive and somewhat graphic celebrations of Good Friday, it was time for the joy of Easter to unfold. Early in the morning on Easter Sunday – before dawn – two groups gathered separately, in silence: a group of men carrying the statue of the Risen Christ, and a group of women carrying the black veiled statue of the Sorrowful Mother.

Quietly, they moved toward the church for the Salubong or “meeting” of the Risen Lord with his Mother. Catholics have been pretty busy on Holy Saturday decorating with orchids and other beautiful flowers the two statues. Some of the most skilled carpenters in the village built a wooden stairway descending from the facade of the church.

When the two processions reached the front of the church, the silence of the night was suddenly broken by the song of the angels: “Rejoice, O Queen of heaven, for he whom you were privileged to bear has risen as he said, alleluia!”

Yes, there were angels coming down from the stairway! A dozen little girls, carefully dressed in white and with paper wings, were gracefully singing that hymn of joy when one of them lifted the dark veil of grief and mourning from the statue of Mary. Rejoice, the long dark night is over! The Risen Lord has conquered death and will never die again! It is 4:30 am. The celebration of the Resurrection of the Lord can begin now.

This joyful meeting of the sorrowful Mother and her risen Son is not recorded in the gospels. Never mind: they like to think that the Risen Jesus would have certainly appeared to his mother first, to share with her the good news of his resurrection. Salubong tells us that we can meet the Risen Lord in the many signs of his enduring presence among us: his Word, his sacraments, his Church, the poor and the needy. We meet Christ in private prayer and where the values of his Kingdom are respected and affirmed.

Salubong makes us incurable optimists. The power of sin is still real, but its power is not ultimate: Jesus has won the decisive victory over sin and death. Nothing can ever be the same.

His glory is our hope of glory.

In prigione

Settimana Santa. In auto si entra senza fermarsi per il gate controllato da poliziotti. Siamo noti. Ma gli edifici, cioè le prigioni del Penitenziario Regionale di Amas, Kidapawan, non sono subito lì. Bisogna percorrere ancora un paio di chilometri per una stradina asfaltata che si snoda in mezzo a una foresta di alberi di mogano. Sembra un enorme parco. E uno pensa: guarda un po’ dove hanno sistemato i detenuti. In mezzo alla natura. Ma poi la strada finisce e appaiono le due realtà. A sinistra il padiglione dove sono detenute le donne, circa 120 e più in là a 200 metri quello degli uomini, 1400 circa. Arrivo con Peter (Geremia) e gli ultrafedeli appartenenti al Divine Mercy fondato da Sister Kowalska che regolarmente sono là ogni domenica a fare apostolato. La messa nel reparto uomini, alle 4 nel caldo pomeriggio, si celebra in un capannone retto su pali di ferro con un tetto di soffitto di compensato qua e là rovinato e di color pistacchio. Circa 200 detenuti stretti uno contro l’altro. In maggioranza cattolici, indossano t-shirt gialli con la scritta del Penitenziario Regionale. Ma non tutti indossano quella prescritta dal regolamento che comunque deve essere rigorosamente gialla anche se magari con su stampato il logo di Superman o Adidas o Ghostbuster o altro. Con grande meraviglia tutti 200 cantano e il chitarrista è troppo bravo per rimanere in prigione. Poi dopo la messa subito a giocare a pallacanestro. Loro. Il carcere non è mai un posto dove riposarsi, così dicono. Oltre il campo un reparto speciale dove abitano quelli che hanno contratto tubercolosi e AIDS; un centinaio in attesa di togliere il disturbo, in fondo hanno già abdicato al peso della vita reclusa. Una buona notizia invece aleggia tra le magliette gialle: una ventina dei 1400, più o meno sani, andranno a casa fra giorni. Forse prima di Pasqua.

All’entrata del reparto femminile, andiamo là con Peter (Geremia) per le confessioni, incontriamo una madre detenuta che può ritornare a casa. Peter domanda dopo quanto tempo: 12 anni. Felice in fondo perché la figlia dodicenne non l’aveva dimenticata ed era venuta per l’occasione ad abbracciarla. Divine Mercy ramo femminile conduce un seminar a circa 50 detenute. Il messaggio è semplice: Dio ci ama, anche voi, tutti. Riconosciamo che la Sua misericordia è più grande dei nostri peccati, riceviamola con fiducia e trasmettiamola agli altri, così tutte possiamo condividere la sua gioia. Si sono confessate tutte, e tutte piangendo, tutte sincere nello spiegare i loro sbagli. Hanno percepito quanto loro stesse hanno usato male quella libertà della quale disponevano. Tutte tra i 25 e 35 anni, con figli piccoli che le aspettano, ma non tutti i mariti che in buona parte le hanno lasciate per altre donne. Tutte coinvolte nel traffico della droga. Tutte sperano di uscire presto.

L’incarcerazione tuttavia sembra oggi diventata una forma di controllo sociale. Sempre di più in queste prigioni regionali, come in Amas, sono detenute persone che non hanno commesso crimini contro altre persone, ma semmai contro le cose oppure sono state trovate in possesso di refurtiva o di droga. La guerra alla droga è poi lo slogan dell’attuale governo, ma sembra servire solo come strumento per controllare, incolpando, le minoranze e le classi più povere. Del resto l’uso di sostanze stupefacenti tra le persone benestanti viene tacitamente permesso e se colte nel fatto queste persone evitano il carcere pagando giudici amici o le costose spese processuali cosa che gli altri non possono permettersi allungando così la loro permanenza in prigione.

La maggioranza di questi detenuti e detenute provengono da situazioni di grande disagio. Il carcere può far peggiorarne questo disagio (e a volte fa solo questo), oppure, se gestito con criterio, diventare un valido elemento di temporanea fuoriuscita dall’ambiente patologicamente anomalo in cui si sono trovati. Già ma poi là ci dovranno ritornare. Allora? Per Divine Mercy tutto è molto chiaro: identificare la propria vita in Cristo, morto e risorto, e da questo momento si ha la libertà di fare tutto ciò che si vuole senza distruggere niente dell’ordine del mondo. Bisogna dare loro ragione.

By Roy Lagarde CBCP NEWS

A Catholic priest who was held hostage for months by militants in southern Philippines urged Filipinos to embrace “reconciliation” as people displaced by war face an uphill battle towards recovery. Fr. Teresito “Chito” Soganub said any efforts towards peace and rebuilding Marawi city is destined to fail without sincere commitment. At a press conference in Manila on Friday, he stressed the importance of healing by opening a door to people who experienced the tragic reality of conflict.

“For me, that is the real response we can do as Christians. We have to transcend even if the wounds, the pain, and the hurts are still there, fresh and very real,” Soganub said. “But we have to follow the mission of Jesus Christ, the way of the Cross, the way of love,” he said.

The priest spoke about his 116-day ordeal in the hands of the Maute group and the clashes between the group and the government forces. Soganub admitted that he almost gave up hope and was ready to die “but there was no other way but to strengthen my faith”. “It was very hard even if you pray… even your spiritual sanity,” Soganub said. “But it was a test of my faith… I need to strengthen it, no other means.”

Soganub was abducted along with other Christians as militants rampaged through the Islamic city last May 23, torching churches, schools and other structures in a well-planned attack. He and another civilian hostage were rescued by security forces after they escaped from the clutches of the extremists last Sept. 16. A priest for more than two decades of the 42-year-old Marawi prelature, he said the “movement for peace” and interreligious dialogue must continue.

“I support every action for dialogue for the good of Marawi and for the better understanding of the Muslims and Christians,” he said.

‘Let us not forget Marawi’

Soganub was among the speakers as the Aid to the Church in Need (ACN) Philippines launched its fundraising campaign to help rebuild the city in partnership with Duyog Marawi.

==============================================

Padre Soganub, un prete cattolico che è stato tenuto in ostaggio per mesi da militanti islamici nel sud delle Filippine, ha esortato i filippini ad abbracciare la “riconciliazione” mentre le persone sfollate dalla guerra stanno ancora affrontando una dura battaglia per il ritorno nelle loro case. Fr. Teresito “Chito” Soganub ha però detto che ogni sforzo verso la pace e la ricostruzione della città di Marawi è destinato a fallire se manca un sincero impegno. Venerdì scorso, in una conferenza stampa a Manila, ha sottolineato l’importanza di guarire le ferite provocate dal conflitto aprendo prima di tutto una porta alle persone che hanno vissuto in prima persona questa tragica realtà.
“Per me, questa è la vera risposta che possiamo dare come cristiani. Dobbiamo andare avanti nella ricostruzione anche se le sofferenze, il dolore e le ferite sono ancora molto visibili e palpabili “, “Ma dobbiamo seguire la missione di Gesù Cristo, cioè la via della croce che è anche la via dell’amore”, ha poi ripetuto.
Il sacerdote ha poi raccontato del suo calvario di 116 giorni nelle mani del gruppo Maute e degli scontri tra il gruppo e le forze governative.
Soganub ha ammesso di aver quasi abbandonato la speranza in quei giorni ed era pronto a morire tuttavia doveva resistere e “… ma non c’era altro modo se non rafforzare la mia fede”. “È stato molto difficile, anche se pregavo … anche se la mia sanità mentale-spirituale era ancora forte …”, ha detto Soganub. “Ma è stata una prova per la mia fede … obbligandomi a rafforzarla. Non c’era altro mezzo.”
Padre Soganub è stato rapito insieme ad altri cristiani mentre militanti islamici assaltavano la città, a maggioranza musulmana, di Marawi lo scorso 23 maggio, incendiando chiese, scuole e altre strutture in un attacco ben pianificato. Lui e un altro ostaggio sono stati salvati dalle forze di sicurezza dopo essere fuggiti dalle mani degli estremisti lo scorso 16 settembre.  42 anni e prete della prelatura di Marawi da circa 20 anni, Soganub ha detto che “il movimento per la pace” e il dialogo interreligioso devono continuare. “Appoggerò sempre una azione per il dialogo, per il bene di Marawi e per una migliore comprensione tra musulmani e cristiani”. ‘Non dimentichiamo Marawi’, ha infine esortato.


 

‘Walang forever’ is fake news

ISN’T it ironic that on March 19, the Solemnity of St. Joseph—family man par excellence who chose not to divorce Mary, the mother of Jesus—the divorce bill was approved on its third and final reading by Congress?  Officially known as House Bill 7303 or “An Act Instituting Absolute Divorce and Dissolution of Marriage in the Philippines”, the bill was voted on 134-57.  To date, the Philippines and the Vatican are the only states where divorce is illegal, and Filipino Catholics take pride in that.  But with a vote of 134 vs. 57… who knows what Senate will say?

(read more ..CBCPnews)

Organiko

Andando in giro con l’instancabile padre Peter (Geremia), da anni difensore dei diritti delle popolazioni indigene di Mindanao, per le annuali celebrazioni di fine anno scolastico delle scuole tribali non posso non pensare alla mia vecchia ed erudita cultura e a come ancora si frantuma alla presenza di alunni alti una spanna con in mano i telefonini (generalmente rotti).

Guardando i capi tribali che a ognuno di questi piccoli, oltre al diploma e al medaglione del ‘Best in…” consegnano anche una piantina di durian da piantare vicino a casa loro, mi è venuto in mente l’intellettuale organico (immagine non mia). Colui che accetta la sfida tra sé e il resto del duro terreno sociale, terreno conteso solo da chi può, ma non da chi non può, luogo nervosamente abitato che invece, lui, vorrebbe vedere crescere come dimora per tutti, se no a che serve la scuola. Organico nel senso di cultura pratica, ricca di sudore e di pensieri sulla carta, dove una buona e utile idea viene letteralmente consegnata alle tue mani per darle vita con il tuo ingegno.

Una cosa che ogni tanto mi mette in crisi è come mai, secondo il pensiero comune che pone un prete tra le nuvole, sono costretto a tenere separati il lavoratore dall’intellettuale, lo sforzo muscolare e nervoso da quello mentale e ritenere il secondo come il più importante anche in termini economici. Tra l’altro prendendolo come unico criterio di giudizio. Ripetutamente ho cercato di annullare questo gap, senza riuscirci. Nemmeno in chiesa, banco di lavoro creativo di un comune prete, dove rimango distante dal pensiero del lavoratore seduto in fondo sull’ultima panca.

Non c’è attività umana, anche la più faticosa, da cui si possa escludere il pensare e il mio pensiero vale come quello di un altro. Chissà. Certo con le belle e sagge parole circa l’amore, la giustizia e la pace si possono smuovere gli animi, ma poi il verbo si deve amalgamare con la vita come archetipo di pratiche realizzazioni, così come il piccolo scolaro del Peter si identificherà, speriamo, in una piantina di durian che cresce organicamente non solo a parole. Se non che … il durian non profuma come una rosa.

ICC and The Philippines

The ICC, which began operating in 2002, is the world’s first permanent war crimes tribunal. Under the treaty, the court can step in only when countries are unwilling or unable to dispense justice themselves for genocide, crimes against humanity or war crimes. The Philippines is one of the countries that drafted the 1998 treaty. Former Acting Permanent Representative to the United Nations Enrique Manalo signed it in December 2000.

In a Sept. 2010 meeting convened by the Presidential Human Rights Commission, the Departments of Justice (DOJ), Foreign Affairs (DFA) and National Defense (DND) agreed to recommend to the President the ratification of the Rome Statute and its subsequent transmittal to the Senate for concurrence. The DFA recommended the transmittal of the Rome Statute to the Senate in view of the visit of ICC President Sang-Hyun Song that happened March 7 to 8, 2011.

President Benigno Aquino III signed the Rome Statute of the International Criminal Court (ICC) on Feb. 28 2011 and sent it to the Senate for concurrence. It was also an enhancement of Republic Act (RA) No. 9851, which enables the country on its own to prosecute international crimes and strengthens human rights’ enforcement

RA 9851 – or the Philippine Act on Crimes Against International Humanitarian Law, Genocide and Other Crimes Against Humanity – was signed into law in December 2009. It embodies the country’s commitment to rules on International Humanitarian Law. It adopts the principle of complementarity that recognizes a State’s right to exercise jurisdiction over these crimes. Meaning, the ICC will only act if such State is unable or unwilling to carry out the investigation and prosecution of the crime.

On Aug.30, 2011 Philippines acceded to the Rome Statute, the treaty that established the International Criminal Court (ICC), when it deposed its instrument of ratification at the United Nations in New York.

ICC preliminary examination of the human rights situation in the Philippines has been announced last Feb. 8, 2011: “Specifically, it has been alleged that since July 1, 2016, thousands of persons have been killed for reasons related to their alleged involvement in illegal drug use or dealing. While some of such killings have reportedly occurred in the context of clashes between or within gangs, it is alleged that many of the reported incidents involved extra-judicial killings in the course of police anti-drug operations.”

Duterte no alla Corte

A quanto pare le Filippine si ritireranno presto dalla Corte Penale Internazionale (CPI). Così ha affermato, o riaffermato, il presidente Rodrigo Duterte.  Un mese fa questo organo giudiziario aveva avviato un’inchiesta sulla controversa guerra alla droga, promessa dal presidente durante le elezioni presidenziali, per aver tuttavia incoraggiato uccisioni extragiudiziali e violazioni dei diritti.

Secondo le stime di Human Rights Watch, dal giugno 2016, questa guerra contro il narcotraffico, spaccio e consumo di droga, ha causato la morte di 12.000 persone. Secondo il governo delle Filippine ‘solo’ 3.900 persone .

La CPI non fa parte dell’ONU, ma i due organismi hanno un accordo di cooperazione. Le Filippine non sono il primo paese a lasciare la CPI. Russia, Burundi, Sudafrica e altri si sono recentemente ritirati. Altri paesi, come gli Stati Uniti, non si sono mai aggregati per il principio che la sovranità nazionale non può essere ceduta a un organismo internazionale. Già nel novembre dello scorso anno Duterte aveva espresso la decisione di uscire dal CPI seguendo l’esempio della Russia.

La CPI, in fondo, propone di allargare a tutto il mondo i principi della giustizia messi in pratica nelle società liberali, viste come le migliori società governate da una democrazia costituzionale ‘ragionevolmente’ giusta.  Ossia un diritto dei popoli (locali) che, fondato sui diritti dell’uomo come abitanti del pianeta, possa mettere un limite agli Stati nel loro comportamento interno, fondando anche un diritto di ingerenza.

Oggi le questioni sulla persona e sul bene comune sono relegate in secondo piano. Si assiste a una forte opposizione verso chi vuol far emergere la verità. Non è difficile prevedere che cosa accadrebbe alla giustizia liberale e alla democrazia costituzionale se diventassero solo autoaffermazioni anarchiche dell’io dei capi politici.

 

Federalism: Cart before the Horse

horse-cart.0By PATRICIO DIAZ

 

“Putting the cart before the horse” is an adage expressing oddity” or “reverse order” – “baliktad” in Tagalog; “suli” in Bisaya-Ilonggo; in Bisaya-Cebuano, the President’s native tongue, may someone fill the blank.

This is what’s being done in the Philippines in the move to shift our system of government from the unitary to federal. The primary aim is to disperse power and resources concentrated in the central government under the President in Metro Manila to the provinces. It is believed to be the only way to make the poor provinces progress. The move, listening to the siren songs of the advocates, sounds good.

The move calls for the grouping of regions into states. The ruling PDP-Laban, some individuals or groups in the House or Senate and the Consultative Commission have different proposals as to the number of states to be created.

Whatever be the final number, there will be two levels of government – the federal government for the entire country and the state government for the individual states. Gleaning from reports about various plans, we can see that very much of the powers of the present Central Government and the state revenues will be given to the states so created to make them self-ruling.

The 1987 Philippine Constitution is being amended into the Federal Constitution. It is expected to delineate the states, define the type of federalization for the Philippines, define the allocation of powers and resources and provide for how the states will exist and co-exist and relate with the federal government.

The Federal Constitution is being rushed to be ratified before the May 2019 midterm election. It can be inferred from media reports that the ruling party wants the federal and state governments elected in 2019 to undergo a three-year transition or learning period; by the election of 2022, the Philippines will be under full-fledged federal and state governments.

Apparently, the move is uniquely Filipino. The Philippine unitary system of government will be transformed into federal system by creating states. In federalized countries like the United States of America, Canada, Australia, the United Kingdom, Malaysia, India and the defunct Union of Soviet Socialist Republics, et cetera, existing self-ruled or independent states or political entities form a union or a federal state; or, they apply for admission to the union or federation.

For advocates of Philippine federalism, the history of federal states will give them insight into the correctness of their advocacy. For instance, Malaysia is a federal constitutional monarchy consisting of thirteen states, originally Malay kingdoms, and three territories. The United Kingdom consists of Scotland, Wales and England in the Island of Great Britain and Northern Ireland. The first three evolved from kingdoms dating back to the 10th century.

In the case of the United States, the thirteen colonies that revolted against the English King started to unite in the Continental Congress, then under the Articles of Confederation and finally under the Constitution of the United States of America, referred to as the “Union”. The Articles of Confederation ended and the Constitution took effect on March 4, 1889 after eleven states had ratified the Constitution.

The 13 states – all colonies which became states after writing their constitutions — were admitted to the Union upon their ratification of the Federal Constitution.  The 37 other states had to apply for admission after qualifying for statehood from organized territories and writing their state constitutions. The first state admitted was Delaware on December 7, 1787; the last, Hawaii on August 21, 1959 – a gap of 172 years. Arizona, the 48th state in mainland USA, was admitted on February 24, 1912 – 125 years after Delaware.

Under the long-established mode of federalization, sovereign states – self-ruled or independent – shared their sovereignty and economic resources to form a federal state or “one state out of the many”. Figuratively, they are a team of horses, trained and robust, pulling the cart.

In comparison, in the Philippine unique style, states will be created out of regions and provinces – mostly impoverished – composing the unitary political system to convert the unitary to federal. The movers are assuring the Filipinos that federalization will emancipate the impoverished from poverty. Figuratively, the created states are hungry, emaciated untrained horses tied behind the cart. They cannot pull the cart; neither can the cart pull them.

As stated at the outset, there is a reported plan to have a three-year transition period from May 2019 to May 2022 as the training period of the untrained federal and state governments elected to learn the federal system. It is not so simple as that if we look into how the existing federal states came into being and see the conflicting proposals of the movers of Philippine federalism.

The federalization move in the Philippines is disoriented.  It does not bode well for the country and the people.