DA UN’ESPERIENZA, UNA PROPOSTA DI PASTORALE INTERCULTURALE

Graziano Gavioli
Prefazione a cura di Luis Antonio Gokim Tagle
Postprefazione a cura di Erio Castellucci

Il fenomeno migratorio è diventato elemento caratteristico del nostro tempo. Per molti immigrati la vita di fede rappresenta un cardine rispetto all’identità e alle scelte di vita quotidiana, ma la tradizionale pastorale parrocchiale di “cura d’anime” pare ormai inadeguata ad affrontare le sfide e a sfruttare le opportunità che derivano dal contatto con altre culture. Il contributo offerto dalla teologia ecumenica, posto in stretto dialogo con la pastorale parrocchiale, offre potenzialità di rinnovamento ecclesiale in ottica missionaria e ospitale: la parrocchia della quale si considera l’esperienza ne rappresenta un tentativo.
Don Graziano Gavioli, 42 anni, parroco di S.Agostino, Modena, dove è presente una numerosa comunità filippina della quale ne ha appreso anche la lingua tagalog, è in procinto di partire per le Filippine dove rimarrà un paio di anni a Manila nel quartiere di Tondo.

Advertisements