armorThus ends our retreat with the passage of Acts where Philip becomes a guide on the road to a eunuch ( a character described with many details ) a rich Ethiopian in a personal and spiritual quest. He is the recipient of an initiative of God who orders Philip to get up and go to a deserted road for a single meeting. The man of Ethiopia is a powerful man and Philip jumping on the bandwagon may well ask something for himself, and his evangelization, an economic advantage for his small community. Instead he climbs up only to guide a seeker of God in order to help him to understand what he was reading, Isaiah 53, with the categories of the Good News taught by Jesus. The meeting is a photocopy of what happened on the road to Emmaus, where Jesus became a traveling companion, and as Jesus in the breaking of bread, here, after the baptism, Philip disappears. Now it depends on the Ethiopian to announce and to continue the evangelization.

Philip, as we are now, has been sent to ride the wagons of modern evangelism. Unfortunately, we live in a world where the passengers are more interested in taking care of their bodies rather than their souls. So for many of us the future does not seem in the hands of God but in those who can built comfortable wagons, carriages, cars, machines, devices. The technology has the power to control the happiness (and fears too) of the future society. Technology is not interested in searching the truth, but in serving the global economy so that people can feel good and less responsible. The task of spreading the Good News on the road, as Philip did, will never be an easy jump over, unless God ….

—————————————————————————————————————–

Finisce così il nostro ritiro con il brano di Atti dove Filippo diventa guida sulla strada di un eunuco, un personaggio descritto con molti particolari, un etiope ricco ma in ricerca spirituale. Destinatario di una iniziativa di Dio che ordina a Filippo di alzarsi e andare nella strada deserta per un unico incontro.  L’uomo è potente e Filippo salendo sul carro potrebbe benissimo chiedere per se e per la sua evangelizzazione un vantaggio economico invece sale solo per guidare un cercatore di Dio a comprendere quello che andava leggendo, Isaia 53, con le categorie della buona notizia portata da Gesù.  L’incontro è una fotocopia di quello di Emmaus dove Gesù si fa compagno di strada e come Gesù nello spezzare del pane, qui dopo il battesimo Filippo sparisce. Ora dipende dall’etiope annunciare e continuare l’evangelizzazione.

Come Filippo oggi ci viene chiesto di salire sui carri moderni ed evangelizzare. Purtroppo si vive una realtà dove il passeggero è maggiormente interessato alla ricerca del corpo che dell’anima. Il futuro poi non sembra nelle mani di Dio ma in colui che i carri li costruisce. E’ il potere della tecnica a gestire la felicità (o disperazione) della futura società e alla tecnologia non interessa la ricerca della verità ma quella del benessere economico. Sarà sempre difficile e in controcorrente il compito degli evangelizzatori di strada come Filippo.

Advertisements