On october 24, 2012, the Philippine Daily Inquirer, the largest Newspaper in the country, published an editorial entitled “Runaway Justice” denouncing the inaction of the DOJ and their failure to reply to our requests. The Editorial stated “The ability of Fr. Pops’ killers to evade the law with impunity is not an aberration. It is a continuing, and most damning, affirmation of the Government’s impotence to throw the book at powerful criminals who are able to count on the protection of shadowy forces in society, not to mention the glacial pace of the justice system, to shun accountability for their crimes…”

This editorial was the result of our shouting for justice during the anniversary of Pops’ death, as well as our quiet prayers with the power to move mountains. DOJ Usec. Baraan came to Davao on November 6, 2012 with the top NBI officers. He examined again our witnesses and assured us, in the presence of our Bishop and our lawyers, to complete the investigations of the key suspects and to issue soon their resolution of the case for filing in court. One of the NBI agents proposed the lie detector test for our witnesses because he still doubts their testimonies, on the other hand, we are also doubting the testimonies of some NBI witnesses, in fact one of them has already signed a retraction saying that he was forced to give false testimony. We suggested that if the lie detector is applied, even the NBI witnesses and agents should take the test.

On November 8 and 9 2012 also in Davao a Congressional Inquiry sponsored by the Committee on Human Rights examined the testimonies of 16 cases similar to Fausto’s case. This year 2012 in Mindanao the killings of community leaders known as defenders of human rights and of the environment have happened again and again causing shock and fear of many communities:

1.     On March 5, 2012 JIMMY LIGUYON, a Matigsalog Tribal leader, was killed in San Fernando, Bukidnon for refusing to sign consent to large-scale mining.
2.     On May 6, 2012 FRED TRANGIA, anti Large-scale mining activist, was killed in Nabunturan, Compostela Valley.
3.     On May 9, 2012 MARGARITO CABAL, an anti-mega dam activist, was killed in Kibawi, Bukidnon.
4.     On August 2012 JORDAN MANDA, a Subanen Indigenous child, was killed in Bayog, Zamboanga Del Sur in an ambush that wounded his father, the main leader of the opposition of the TVI mining company.
5.     On September 13, 2012 GENESIS AMBASON, a Banwaon Tribal leader, was killed in San Luis, Agusan del Sur for opposing Malampay Mining.
6.     On October 3, 2012 GILBERT PABORADA, Higaonon leader opposing Oil palm plantation expansion, was killed in Opol, Misamis Oriental.
7.     On October 18, 2012 JUVY MALID CAPION, a pregnant mother, and 2 sons, JAN-JAN AND JEORGE, were massacred at the boundary of Tampakan, Kiblawan, and Columbio, because their father was hunted by the 27th IB for opposing the Xstrata-SMI Project there…

The victims listed above are mostly tribal leaders who usually have no access to legal assistance, they can only cry for justice in the wilderness. The cry for justice for Pops has become a chorus The victims are too many to ignore. The same pattern of Mining companies or Plantations or Multi-million projects sponsored by corrupt politicians, using the Military or paramilitary forces to eliminate and terrorize those who stand for the defense of their Ancestral Domains or the environment.

Is this a war against the defenders of Human and Environmental Rights? Does the Administration have any control of the Military and paramilitary involved? Can they disarm them or do they close their eyes to this system of impunity? Are their investigations leading to justice or to cover-ups?

The Congressional inquiry questioned the Military officers with command responsibility on the areas of these killings, but their reply was always the same, complete denial, they do not know any of the suspects, like in the case of Fausto, even though they were seen by many people joining their operation and staying in their camps.

TYPHOON PABLO

December 4, 2012 Typhoon Pablo. That morning here in Arakan I experienced sudden waves of violent wind and rain. The storm passed by quickly, I thought it was over. Then I began to receive texts with cries of distress: “The roof of our school was blown away, we do not know where to hide, we are afraid of floods and landslides…” Then gradually pictures appeared on television: houses, bridges, schools, hospitals, churches, and public buildings dismantled… Trees, plantations, and all kinds of crops washed away like garbage, mountains melting into raging floods submerging several villages… Then piles of bodies and some survivors covered with mud and wounds…
Now after a week, long lines of people crying for food, and long lines of patients waiting for days to be treated… Shock and panic, many people in fear of being struck again by the angry forces of nature… Many are asking why? Some are suggesting  that this tragedy is due to unregulated logging and mining, then the vast plantations and kaingin, even the housing projects and roads have disrupted the balance of nature. Senseless distraction and exploitation of natural resources for quick profits resulted to violent reactions of the forces of nature. A kind of revenge by nature?

Can people ever learn? From authorities to children, from those who survived the deluge and are struggling to start a new life, to us who see the pictures of destruction and fear that we may be the next target of similar calamities… What are we learning?
We turn to God, we are crying out to Him, but He may be also crying out to us showing the way to live in harmony with nature. The God of Mercy and Compassion is moving many volunteers to provide emergency assistance. A flood of solidarity is spreading, still unable to repair the damages, but refusing to surrender to hopelessness
Many are still unaware, or refusing to see the causes of increasing calamities, they remain in a state of denial. But some are refusing to let them destroy our life-support systems, to upset the marvelous harmony of God’s creation and to tear apart Mother Earth and all the resources of Nature as sources of quick profit, not as sources of life. When will we ever learn?
According to the latest count the number of confirmed dead is more than 600 and the missing more than 900. Over five million people are seriously affected and it will take a long time before life can be normal for them again.

Our Fr. Fausto Tentorio’s Foundation has sent teams to the most affected areas for relief and medical missions. Two of our schools initiated by Fausto, are severely damaged, the teachers need also shock treatment. Classes have been discontinued, the families of the students are struggling to find food and resume farming to avoid starvation, they cannot yet repair their houses and schools. We would like to help more but our resources are limited. We need everyone’s support, if you have anything to share it will be most welcome.

Sincere thanks to all and best wishes for Christmas and New Year. God Bless.

———————————————————————————————

24 ott 2012 Il quotidiano filippino Inquirer, il più grande quotidiano del paese, ha pubblicato un editoriale intitolato “la fuga della giustizia” (Runaway Justice) denuncia l’immobilismo del Dipartimento di Giustizia e la loro mancanza di risposta alle nostre richieste. La redazione ha dichiarato: “La capacità degli assassini di p. Pops  di eludere la legge impunemente non è solo un’aberrazione. Si tratta di una affermazione costante, e più schiacciante, dell’impotenza del governo di gettare in prigione i criminali potenti che sono in grado di contare sulla protezione delle forze oscure nella società, per non parlare poi della lentezza del sistema giudiziario e i vari meccanismi per eludere la responsabilità di condannare i responsabili… ”
Questo editoriale è stato il risultato delle nostre grida di giustizia durante il primo anniversario della morte di Pops ‘,. Così le nostre preghiere silenziose con  la speranza che abbiano il potere di spostare le montagne. Il DOJ segretario Baraan venuto a Davao il 6 novembre 2012 con gli ufficiali dell’NBI. ha interrogato di nuovo i nostri testimoni e ci ha assicurato, alla presenza del nostro Vescovo e dei nostri avvocati, che completeranno le indagini sui sospetti chiave e rilasceranno presto la loro risoluzione sul caso per depositarlo in tribunale. Uno degli agenti NBI ha proposto il test della macchina della verità per i ‘nostri’ testimoni, perché dubita ancora delle loro testimonianze. Tuttavia ci sono anche dubbie testimonianze di alcuni testimoni NBI. Infatti uno di loro ha già firmato una ritrattazione dicendo che era stato costretto a dare falsa testimonianza. Abbiamo suggerito che, se la macchina della verità venisse veramente applicata, che sia usata anche  per i testimoni NBI e i loro agenti involti nell’investigazione.
Il 8 e 9 novembre 2012 in Davao una inchiesta del Congresso promosso dal Comitato per i diritti umani ha esaminato le testimonianze di 16 casi simili a quello di Fausto. Nell’anno 2012 in Mindanao le uccisioni di leader della comunità conosciuti come difensori dei diritti umani e dell’ambiente hanno ripetutamente provocato molti shock e paure in molte persone e comunità:

1. Il 5 marzo 2012 Jimmy LIGUYON, un leader tribale Matigsalog, è stato ucciso a San Fernando, Bukidnon per aver rifiutato di firmare il consenso di estrazione mineraria.
2. Il 6 maggio 2012 FRED Trangia, un  attivista contro le miniere, è stato ucciso a Nabunturan, Compostela Valley.
3. Il 9 Mag 2012 Margarito CABAL, un attivista anti-mega diga, è stato ucciso a Kibawi, Bukidnon.
4. In agosto 2012 GIORDANIA MANDA, un bambino Subanen indigeno, è stato ucciso a Bayog, Zamboanga del Sur in un agguato che ferì il padre, il principale leader dell’opposizione alla società mineraria canadese TVI.
5. Il 13 settembre 2012 GENESIS AMBASON, un leader tribale Banwaon, è stato ucciso a San Luis, Agusan del Sur per essersi opposto alla Mining Malampay.
6. Il 3 ott, 2012 GILBERT PABORADA, leader Higaonon che si opponeva alla espansione delle piantagioni di palma da olio, è stato ucciso a OPOL, Misamis orientale.
7. Il 18 Ottobre 2012 JUVY MALID Capion, una madre incinta, e 2 figli, JAN-Jan e Jeorge, furono massacrati al confine di Tampakan, Kiblawan e Columbio, perché il loro padre era braccato dai soldati del 27IB perché si era opposto al progetto Xstrata- SMI  …

Le vittime di cui sopra sono per lo più capi tribali che di solito non hanno accesso all’assistenza legale, possono solo piangere per la giustizia, in silenzio . Il grido di giustizia per Pops è diventato comunque un coro Le vittime sono troppe per essere ignorate. Sono il risultato dello stesso modello di società dove sono importanti solo la estrazione mineraria, le grandi piantagione, i multi-milionari progetti sponsorizzati da politici corrotti. Molte volte questi utilizzando le forze militari o paramilitari per eliminare e terrorizzare coloro che si oppongono e lottano per la difesa dei domini ancestrali o dell’ambiente.
E’ forse una guerra contro i difensori dei diritti umani e ambientali? L’Amministrazione ha veramente il controllo dei militari e paramilitari coinvolti? Possono disarmarli o chiudono gli occhi a questo sistema di impunità? Le loro indagini conducono alla giustizia o semplicemente la coprano?
Il Congresso sta interrogando gli ufficiali militari con responsabilità di comando circa questi omicidi, ma la risposta e’ sempre la stessa: completa ignoranza. Non conoscono nessuno dei sospettati, come nel caso di Fausto, anche se sono stati visti da molte persone in pubblico e  nei campi militari.

4 Dic 2012          TIFONE PABLO

Quella mattina qui in Arakan ho sperimentato ondate improvvise di vento e pioggia violenta. La tempesta passò in fretta, ho pensato che fosse finita. Poi ho cominciato a ricevere i testi con grida di aiuto: “Il tetto della nostra scuola è stato spazzato via, non si sa dove nascondersi, abbiamo paura di inondazioni e frane …” Poi a poco a poco le immagini sono apparse anche in televisione: case, ponti, scuole , ospedali, chiese, ed edifici pubblici smantellati … alberi, piantagioni, e tutti i tipi di colture spazzati via come spazzatura, montagne di fango e furiose inondazioni hanno colpito diversi villaggi … Poi mucchi di corpi e di sopravvissuti coperti di fango e ferite …
Ora, dopo una settimana, lunghe file di persone che piangono per il cibo, e le lunghe file di pazienti in attesa da giorni di essere curati … shock e panico. Molte persone hanno paura di venir colpiti ancora dalle forze violente della natura  … Molti si chiedono perché? Alcuni suggeriscono che questa tragedia è dovuto al disboscamento indiscriminato e dalle escavazioni delle miniere. Poi anche le vaste piantagioni e il kaingin (taglia e brucia = metodo brutale di coltivazione del terreno non ancora disboscato). Anche le case e le strade costruite hanno reso instabile l’equilibrio della natura. Una distrazione insensata. Lo sfruttamento delle risorse naturali, per comodi guadagni, ha spinto le forze della natura a reagire violentemente. Una sorta di vendetta in natura?

Le persone potranno imparare? Dalle autorità ai bambini, da coloro che sono sopravvissuti al diluvio e stanno lottando per iniziare una nuova vita, a noi che vediamo le immagini di distruzione e di sgomento perché possiamo essere il prossimo obiettivo di simili calamità  … Che cosa stiamo imparando?
Ci rivolgiamo a Dio, stiamo gridando a Lui, ma Egli risponde a noi mostrando invece un modo di vivere in armonia con la natura. Insieme. Il Dio di misericordia e compassione sta muovendo molti volontari per fornire assistenza in tempo di emergenza. Il fiume di solidarietà si sta allargando. Siamo ancora in grado di riparare i danni, ma solo rifiutando di arrenderci alla disperazione.
Molti tuttavia sono ancora ciechi e rifiutano di vedere le cause di queste calamità . Rimangono in uno stato di negazione, indifferenza. Ma ci sono coloro che si rifiutano di lasciare distruggere i  sistemi antichi di supporto vitale, di sconvolgere la meravigliosa armonia della creazione di Dio e di fare a pezzi la Madre Terra con tutte le sue risorse come fossero solo fonti di rapido profitto e non come di vita. Quando cominceremo ad imparare?

Secondo l’ultimo conteggio del numero dei morti confermati e’ quasi 600 e più di 900 i dispersi. Più di cinque milioni di persone sono state gravemente colpite e ci vorrà molto tempo prima che la vita potrà ritornare normale per loro.
La nostra Fondazione Fausto Tentorio ha inviato squadre nelle zone più colpite per le missioni di soccorso e di assistenza medica. Due delle nostre scuole, costruite da Fausto, sono state gravemente danneggiate e gli insegnanti devono assorbire tutte le difficoltà . Le classi sono state interrotte, le famiglie degli studenti stanno lottando per trovare cibo e riprendere a coltivare la terra per non morire di fame. Molti non sono ancora in grado riparare le proprie case e scuole. Vorremmo aiutare di più, ma le nostre risorse sono limitate. Abbiamo bisogno del sostegno di tutti, se avete qualcosa da condividere sarà il benvenuto.
Un sincero ringraziamento a tutti e auguri per Natale e Capodanno. Dio vi benedica.

Advertisements