C’e’ sempre qualcuno che vuole uccidere qualcun’altro. Presunzione demoniaca che provoca solo terrore e crudeltà. Fausto faceva del bene. Fare del bene presuppone la libertà, la giustizia e la pace cose che aiutano a  riconoscere anche colpa e colpevole. Purtroppo molte colpe vengono stravolte nei pensieri di uomini oscuri, killers e mandanti dove il male diventa un insano ben-essere. Certo solo Dio potrebbe farli rinsavire affinche’ possano capire. Ma coloro che hanno ucciso Fausto sembrano non credere nell’esistenza di un testimone assoluto. Magari hanno fede, magari non sono atei, magari celebrano le feste con i loro amici, parenti, fratelli e figli. Tuttavia non percepiscono la prensenza di un Dio vivente, Padre misericordioso. Non si sentono in colpa. Nemmeno capirebbero quel versetto del salmo che dice: “Quello che è male ai tuoi occhi io l’ho fatto”. Speriamo sia solo un black-out temporaneo e possano ri-conoscere le proprie responsabilita’ nel corso della loro esistenza.

Tuttavia il nostro mondo non ama essere scoperto: ‘Tu, chi sei per immischiarti nella mia vita ?’ e si allontana girando le spalle alla verità. Ascoltarne la risposta potrebbe invece misurare i nostri limiti e pesare le nostre colpe. Fausto ha, per coloro che lo hanno ucciso, ‘peccato’ in atto. Chissà poi che cosa di così grave ha fatto. Forse ha detto la verità. Tuttavia nel ‘giusto’ si sentono, non saprei come, anche coloro che gli hanno voltato le spalle. Non ammettono di essere fallibili, di aver sbagliato. Gia’ non se ne rendono conto e non amano essere scoperti. Speriamo sia solo un breve black-out di ordinaria pazzia. Una fine senza un ulteriore seguito. Un innocente in piu’ salvato …. se scoperti.

Advertisements