cruzVenerdi’ Santo si celebra con processioni per le strade, via crucis e la commemorazione recitata della Passione chiamata il Senakulo. In alcune comunita’ alla processione partecipano anche i fedeli che si auto-flagellano, una pratica che resiste anche se e’ stata condannata molte volte dai vescovi filippini. Ogni comunita’, parrocchia e chiesa locale ha le sue varianti su come celebrare la giornata, in alcune, per esempio, si da piu’ enfasi alla ‘schiodatura’ e la deposizione del corpo di Gesu’che che alla crocifissione. Durante il giorno i negozi chiudono e le stazioni radio e televisive trasmettono solo meditazioni sulle Ultime Sette Parole di Gesu’ o film religiosi. Molti tuttavia preferiscono scalare le montagne come il monte Apo, la montagna di Mindanao di 3000 metri piu’ alta delle Filippine. C’e’ chi considera la sua cima come una Nuova Gerusalemme. Diversi, poi, si arrampicano in cima ad una montagna come gesto di sacrificio per poi attendersi in cambio benedizioni o miracoli, specialmente la cura delle malattie. Altri si mettono alla ricerca di grotte per ricaricare di potere i loro rosari oppure raccolgono erbe e radici per nuovi amuleti. Ma la maggior parte, soprattutto i giovani, si reca in altura il Venerdi’ Santo per respirare un po’ d’aria fresca e ammirare il panorama sottostante. I piu’anziani, che rimangono a casa incollati al ventilatore, ammoniscono i piu’ piccoli di non fare il bagno alle tre del pomeriggio, di non tagliarsi i capelli e le unghie e di non salire sugli alberi perche’ le ferite, anche piccole, contratte il venerdi’ santo fanno fatica a rimarginarsi. Infine non puo’ mancare la lotta dei galli in reverenza a quello di San Pietro.

Advertisements