indue.jpg

Cogliamo l’occasione per ringraziare tutte le persone  che ci sono state vicine in questi difficili momenti perchè abbiamo davvero sentito nel profondo del nostro animo la loro presenza e il loro calore.
Il Signore ha ascoltato veramente la preghiera intensa di tante persone di ogni credo e cultura  che si sono unite a noi nella lunga e timorosa attesa  della desiderata liberazione.

Molte sono state le iniziative di solidarietà disinteressate sorte per chiedere la liberazione di Giancarlo e di questo ringraziamo tutti. L’esperienza di Giancarlo, durata 39 giorni, ha provato duramente e dolorosamente tutti noi. Sentiamo inoltre di dover ringraziare Giancarlo stesso per aver permesso che accadessero dei Piccoli Grandi Miracoli, perchè proprio questa sua prigionia ci ha permesso di fare ancora più nostri i valori profondi quali la fede, la speranza e l’amore reciproco. Siamo riusciti, grazie a lui, a valorizzare ogni piccolo gesto che accompagna la vita di ogni giorno e soprattutto a valorizzare il sentimento dell’Amicizia nel momento del Bisogno: alcuni rapporti già profondi si sono rafforzati maggiormente e alcuni altri rapporti lasciati inaridire hanno trovato nuova linfa.

Ora aspettiamo solamente il ritorno di Giancarlo per poterlo finalmente riabbracciare, tuttavia siamo consapevoli  del fatto che sarà di breve durata poichè sappiamo che, da molto tempo ormai, le Filippine sono la sua Terra e la sua Casa e che i filippini sono la sua Gente. Il nostro pensiero si rivolge ora a tutti i familiari di persone a cui, nelle diverse parti del mondo, è stata privata la libertà: che possano anche loro riuscire a riabbracciare al più  presto i loro cari e che il loro cuore possa tornare a pulsare di battiti di gioia.

Mamma Amalia Marcello Pinuccia Rita Enrico Marco Elena Eleonora Stefano Chiara

Advertisements