freedom1.jpg 

A PRAYER FOR FREEDOM

Today, July 10, 2007 marks one month since Fr. Giancarlo Bossi, PIME was kidnapped.  Pictures of him have come out on TV and in the newspapers.  We see in his face the hardships he is enduring and we are filled with concern for his welfare.  Of course, we continue to pray fervently for his freedom.
        FREEDOM!  Fr. Giancarlo answered the call of the Lord to follow Him in the mission of proclaiming God’s Kingdom, a Kingdom of peace where all people enjoy the liberty of God’s children.  Now his unconditional commitment to that calling and mission has cost him his own freedom, as he is being held unjustly by criminal elements, who have yet to reveal their true intentions.  Lord, set him free!
        FREEDOM!  The kidnappers of Fr. Bossi might believe that they are in control of the situation.  To them we say: “Brothers, don’t you realize that when you engage in this criminal activity, you become trapped in a cycle of violence and sin?  You too are in need of freedom; you need to be freed from the chains of selfishness and evil.”  Lord, set them free!
        FREEDOM!  We have noted the tendency of some to use the suffering of Fr. Bossi in order to further political and/or ideological ambitions.  We pray that all those who involve themselves in this situation will be free from self-interest and political maneuverings.  Lord, set them free!
        FREEDOM!  Each of us can ask ourselves if we are truly free: free from fear, anxiety and worry; free from prejudice and judgement; free from resentment and desire for revenge.  As we continue to pray for the safe release of our brother Giancarlo, we too seek freedom from any sinful inclinations that might come in the guise of righteousness.  Lord, set us free!
        FREEDOM!  We continue to thank from the bottom of our hearts all those who join us in solidarity and prayer for Fr. Giancarlo Bossi.   May he soon be free to return to the ministry of peace and liberty which he so loves.  Lord, we beg you, set him free.  Lord, we beg you, grant true freedom to all your people.

The PIME Missionaries in the Philippines. 

—————————–

UNA INVOCAZIONE ALLA LIBERTA’

10 luglio 2007. E’ passato un mese dal sequestro di padre Giancarlo Bossi, PIME.  Le sue immagini sono apparse in TV e nei giornali. Nel suo volto abbiamo notato le difficoltà contro cui sta lottando e siamo pieni di preoccupazione. Per questo continuiamo a pregare per la sua liberazione.

   LIBERTÀ! Giancarlo ha risposto alla chiamata del Signore per seguirLo nella missione che afferma la venuta del Regno del Dio, un Regno di Pace dove tutta la gente gode della libertà dei figli di Dio. Ora il suo impegno incondizionato a quella chiamata e quella missione gli sta costando la libertà, prigioniero ingiustamente di criminali che non hanno ancora svelato le loro intenzioni.      Signore, liberalo!
  LIBERTÀ! Forse i rapitori di padre Bossi credono di avere in mano la situazione. A loro diciamo: “Fratelli, non vi rendete conto che quando commettete queste attività criminali diventate schiavi del ciclo della violenza e del peccato? Anche voi avete bisogno della libertà; liberta’ dalle catene dell’egoismo e della malvagità.      Signore, liberali!
  LIBERTÀ! Abbiamo notato la tendenza di alcuni ad usare la sofferenza di padre Bossi per avanzare ambizioni politiche e ideologiche. Preghiamo per coloro coinvolti in questa situazione perche’ siano esenti da interessi personali e di parte. Signore, liberi!
  LIBERTÀ! Ciascuno di noi può chiedere a se stesso se e’veramente libero: libero dal timore, dall’ansia e dalla preoccupazione; libero dai pregiudizi e dal giudicare; libero dal rancore e dal desiderio di vendetta. Cosi’ mentre continuiamo a pregare per il rilascio del nostro fratello Giancarlo, facciamo in modo di liberarci da tutte le inclinazioni malvagie, quelle che si mascherano dietro pseudo-forme di verita’. Signore, liberaci!
  LIBERTÀ! Continuiamo a ringraziare dal profondo del nostro cuore tutti coloro che si uniscono a noi nella preghiera e nella solidarieta’ per padre Giancarlo Bossi. Possa essere presto liberato e ritornare al suo ministero di pace e di libertà che così tanto ama.   Signore, ti preghiamo, liberalo!   Signore, ti preghiamo, dona la liberta’ a tutto il Tuo popolo!

I missionari del PIME nelle Filippine.

Advertisements